Globigerinoides

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Globigerinoides
Immagine di Globigerinoides mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Protista
Phylum Sarcomastigophora
Subphylum Sarcodina
Classe Foraminifera
Ordine Foraminiferida
Sottordine Rotaliina
Superfamiglia Globigerinacea
Famiglia Globigerinidae
Genere Globigerinoides
Kenneth e Srinivasan, 1983

Globigerinoides è un genere di foraminifero planctonico con guscio calcareo, presente dall'Oligocene Superiore in tutti gli oceani del mondo. Diverse specie sono utilizzate in campo biostratigrafico per la datazione delle rocce e dei sedimenti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Guscio calcareo ialino[1], traslucido. Parete perforata, con pori molto ampi. Avvolgimento trocospirale[2], a spira da bassa ad elevata (in alcune forme streptospirale[3]). Ultimo giro formato da 3-4 camere. Profilo del guscio globoso. Ombelico generalmente molto stretto e profondo. Le suture tra le camere sono depresse; margine periferico da arrotondato a lobato (a seconda delle specie), sempre privo di carena. Apertura primaria ombelicale, ad arco, spesso delimitata da un labbro imperforato più o meno sviluppato; aperture supplementari suturali[4] sul lato spirale.

Globigerinoides sacculifer (BRADY) e Globigerinoides trilobus REUSS. Gli esemplari, ripresi al microscopio elettronico, vengono da sedimenti tardo-pliocenici della Baja California (Messico). Scala in micrometri.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Globigerinoides compare nell'Oligocene Superiore, evolvendosi da specie del genere Globigerina D'ORBIGNY, ed è presente attualmente in tutti i mari e gli oceani del globo. La prima comparsa di questo genere, con la specie G. primordius BLOW e BANNER, è stata considerata per lungo tempo come un criterio di datazione biostratigrafica, per il riconoscimento del limite Oligocene-Miocene. Questo evento è tuttora utilizzato come elemento indicativo della prossimità di questo limite (anche se in realtà non è isocrono a scala globale). La comparsa massiva di Globigerinoides (collocabile intorno all'effettivo limite Oligocene-Miocene) è un evento di valore paleoecologico, in quanto denota un aumento della temperatura media oceanica dopo un periodo relativamente freddo corrispondente all'Oligocene, e fa parte di un graduale e generalizzato processo di ricambio faunistico tra Paleogene e Neogene, di origine essenzialmente climatica. Diverse specie sono indici di biozona utilizzati in campo biostratigrafico. Il genere comprende attualmente nove specie accettate. Il genere Globigerinoides è oggi considerato dalla maggior parte dei ricercatori come polifiletico, comprendente in realtà diverse linee evolutive sviluppatesi a partire dal tardo Oligocene[5].

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Globigerinoides è un organismo planctonico, di habitat epipelagico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tipo di guscio costituito da minuti prismi di calcite orientati perpendicolarmente rispetto alla superficie, di aspetto traslucido o vitreo.
  2. ^ Avvolgimento di tipo elicoidale, ovvero a vite, (simile a quello della conchiglia della maggior parte dei gasteropodi)
  3. ^ Avvolgimento trocospirale allungato, con angolo apicale acuto.
  4. ^ In corrispondenza delle suture tra le camere.
  5. ^ Kenneth e Srinivasan (1983)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kennet e Srinivasan (1983). Neogene planktonic foraminifera. In: Tester, R. and Tester, S.