Giuseppe Martinenghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Roberto Martinenghi (Londra, 27 dicembre 1894Milano, 13 ottobre 1970) è stato un architetto italiano.

Un esempio tipico degli edifici residenziali milanesi progettati da Martinenghi: casa del 1935 in via Sidoli 4

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Londra il 27 dicembre 1894. All'età di due anni la famiglia si trasferisce a Milano.

Nel 1914 si iscrive all'Accademia di Brera. Nel 1917 consegue la licenza di insegnamento e inizia a insegnare all'Istituto di Belle Arti di Bologna. Nel 1923 è docente di disegno architettonico alla Scuola Umanitaria di Milano.

È iscritto all'Ordine degli architetti di Milano con il numero di matricola n°27 dal 25/05/1928 al 21/10/1970.

È nominato vicepresidente dell'Associazione Regionale Lombarda degli Architetti (A.R.L.A.) costituita a Milano nel 1946. Nel 1950 è eletto membro del Consiglio del Collegio Lombardo degli Architetti insieme a Emilio Lancia (presidente) e Ottavio Cabiati (vice presidente).

Nel 1958 tiene una mostra personale di pittura alla Galleria Montenapoleone di Milano. Nel 1964 è nella Commissione per le opere edilizie alla Camera di Commercio di Milano insieme all'architetto Raul Gattermayer. Nel 1966 tiene una mostra personale di pittura alla Galleria Diamant di Milano.

È stato insignito della medaglia d'argento di benemerenza civica dal Comune di Milano nel 1958[1] e del titolo di Commendatore per meriti professionali.

È stato investito Cavaliere del Santo Sepolcro dell'Ordine di Malta.

Muore a Milano il 13 ottobre 1970.[2][3]

Molte furono le opere realizzate a Milano e, secondo Augusto Rossari, "la copiosa attività progettuale di Martinenghi fornisce una testimonianza della modalità di diffusione del gusto novecentista".[2]

Edifici milanesi[modifica | modifica wikitesto]

I dati relativi alle licenze edilizie sono tratti da Progetti di costruzione che conseguirono voto favorevole dalla commissione edilizia, elenchi pubblicati in “Città di Milano”, annate 1931-1970[4]; da Case d'oggi, Ed. La Casa, annate 1936-1941; da Milano déco: la fisionomia della città negli anni Venti di Rossana Bossaglia e Valerio Terraroli[5]; e dalle pubblicazioni di Giuseppe Martinenghi citate in "Pubblicazioni", ovvero Il villino moderno: raccolta di progetti di ville e villini – Volume 1, 2, 3 – Arch. G. Martinenghi & Fratelli, Milano 1919 e Ville E Casette. Raccolta Di 80 progetti – Volume 1, 2, 3 – Arch. Giuseppe Martinenghi, Milano 1925.

  • Villa Pauly - Via Pagliano 50
  • Villa Ansaldo (oggi Residenza Universitaria Canzio) - Via Stefano Canzio 4 (1923/1924)
  • Piazzale Crivellone 14
  • Via Spagnoletto 11-13-15
  • Via Alberto Mario 41-43-45
  • Via Alberto Mario 48 (parzialmente demolita)
  • Via Alberto Mario 55
  • Via Mosè Bianchi 61-63-65-67 (parzialmente demolita)
  • Via Pagliano 24-26-28
  • Via Correggio 30
  • Via Carlo Ravizza 28-30-32 (demolita)
  • Via Carlo Ravizza 39 (demolita)
  • Via Carlo Ravizza 41 (demolita)
  • Via Carlo Ravizza 43
  • Via privata Delleani 24
  • Via Filippo Carcano 24 (parzialmente demolita)
  • Via Filippo Carcano 28
  • Viale Corsica 30-32-34
  • Via privata Francesco Bartolozzi 8-10-12
  • Via privata Francesco Bartolozzi 14-16-18
  • Via privata Francesco Bartolozzi 13-15-17
  • Via privata Filippo Lavagna 14
  • Via Lorenzo Ghiberti 4-6-8-10-12
  • Via privata Attilio de Luigi 1-3-5
  • Via privata Attilio de Luigi 7-9-11
  • Via Desiderio da Settignano 16-18-20-22-24
  • Via Spartaco 17 (1925)
  • Via Annibale Grasselli 11 (1926)
  • Viale Campania 3 (1926)
  • Viale Campania 5 (1926)
  • Via Marcona 105 (1928)
  • Via Pagliano 5 (1929)
  • Via Altaguardia 12
  • Via Bartolini 11 (1932)
  • Via Pellizza da Volpedo 41 (1932)
  • Via Monte Rosa 69 (1932)
  • Viale Romagna 57 (1932)
  • C.so Sempione 102 (1932)
  • Via Piero della Francesca 81 (1933)
  • Via Filippo Carcano 2 (1933)
  • Via Filippo Carcano 12 (1933)
  • Via Domenichino 27 (1933)
  • Via Monte Cervino 3
  • Via Monte Cervino 4 (1933)
  • Via Monte Bianco 34-36 (1933)
  • Via Mosè Bianchi 33 (1933)
  • Via Monte Rosa 67 (1933)
  • Via Vertoiba 5 (1933)
  • Via Washington (1933)
  • Via Pacini 72 (1933)
  • Sopralzo via Ampère 111 (1933)
  • Viale Brianza 33 (1934)
  • Piazza Maria Adelaide di Savoia 5 (1933)
  • Via Pagliano 30 (1933)
  • Piazza Leonardo da Vinci 8 (1933)
  • Via Domenichino 19 (1934)
  • Via Renato Fucini 3 (forse 1934)
  • Via Renato Fucini 5 (1934)
  • Via Veronese 1 (1934) (demolita)
  • Piazza Giulio Cesare 8 (1934)
  • Via Monte Bianco 38-40 (1934)
  • Piazza Santa Maria Beltrade 4 (1934)
  • Via Pagliano 31 (1934)
  • Via Pagliano 33 (1934)
  • Viale Romagna 61
  • Via Soperga 23 (1934)
  • Via Soperga 25 (1934)
  • Piazzale Susa (1934)
  • Via Grasselli 2 (1934)
  • Via Grasselli 8 (1934)
  • Via Brioschi 38 (1934)
  • Via Serafino dell'Uomo 7 (1934)
  • Piazza Leonardo da Vinci 6 (1934)
  • Via Vallazze (1935)
  • Via Andrea Appiani 22 (1935)
  • Oratorio della Chiesa di Santa Maria del Caravaggio - Via Borromini (1935)
  • Via Desiderio da Settignano 13 (1935)
  • Via Fabio Filzi 33 / Piazza IV Novembre 1 (1935)
  • Piazza Maria Adelaide di Savoia 2 / Viale Giustiniano 2 (1935)
  • Via Bixio 47 (1935)
  • Via Sidoli 4 (1935)
  • Via Ennio 13 (1935)
  • Viale Romagna 53 (1935)
  • Via Solari 13 (1935)
  • C.so Sempione 98 (1935)
  • Piazza Mondadori 2 (1935)
  • Piazza Novelli 10 (1935)
  • Viale Regina Giovanna 32 (1936)
  • Via Pacini 40 (1936)
  • Via Piolti de Bianchi 5 (1936)
  • Corso XXII Marzo 48 (1936)
  • Viale Mugello 2
  • Viale Corsica 12
  • Via Ramazzini 3 (1936)
  • Via Fatebenefratelli 9 (1937)
  • Via Pacini 70 (1937)
  • Via Morozzo della Rocca 6-8 (1937)
  • Corso di Porta Nuova 2 (1937)
  • Corso di Porta Nuova 4 (1937)
  • Corso di Porta Nuova 6 (1937)
  • Corso di Porta Nuova 20 (1937)
  • Via Luigi Razza 2 (1937)
  • Via Sidoli 6 (1937)
  • Via Piranesi 7 (1937)
  • Via Piranesi 27 (1937)
  • Piazza Largo di Posta (1937)
  • Viale Tunisia 41 (1937)
  • Via Pacini 42 (1938)
  • Via Valvassori Peroni 82 (1938)
  • Via Sigieri 3 (1938)
  • Via Sigieri 5 (1938)
  • Viale Tunisia 15 (1938)
  • Viale Tunisia 36 (1938)
  • Viale Tunisia 38 (1938)
  • Viale Tunisia 43 (1938)
  • Via Pietro Colletta 55
  • Via Canaletto 13 (1938)(Demolito)
  • Via Pacini 57 (1938)
  • Via Giulio Tarra 9 (1938)
  • Via Copernico 6 (1938)
  • Ampliamento della Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù alla Cagnola - Via Bartolini 43-45 / Via Plana (1939) (Insieme a Giuseppe Calori)
  • Via Piranesi 31 (1939)
  • Viale Argonne 40 / Largo Porto di Classe 8 (1939)
  • Via Cuneo 4 (1939)
  • Viale Lunigiana 3 / Via Ponte Seveso 44 / Via Sammartini 39 (1939)
  • Via Leopoldo Marangoni 3 (1939)
  • Via Viminale 3 (1939)
  • Via Pacini 93 / Piazza Bottini 1 (1939)
  • Via Cadore 40 (1939)
  • Via Alfonso Lamarmora 42 (1939)
  • Via Luigi Pulci (1940)
  • Via Battistotti Sassi (1940)
  • Via Borgogna 8 (1940)
  • Via privata Umberto Masotto 3 (1941)
  • Via Casella 30 (1941)
  • Via Pietro Calvi 10 (1948)
  • Via Luigi Capranica 10 (1949)
  • Via del Caravaggio 5 (1951)
  • Via Teodosio 18 (1951)
  • Via Piacenza 9 / Via Verona 12 (1952)
  • Piazza Otto Novembre 3 (1952)
  • Via Strambio 32 (1954)
  • Chiesa di S. Gaetano – via Mac Mahon 92 (1955)
  • Via Teodosio 16 (1959)
  • Via Gian Battista Brocchi 15 (1959)
  • Via Giovanni Schiaparelli 14 (1959)
  • Via degli Scipioni 1/A (1959)
  • Via Tirano 10 (1959)
  • Via Illirico 18 (1960)
  • Via Ludovico Lazzaro Zamenhof 12 / Via Brioschi 33 (1960)
  • Via Casoretto 43-45 / Via Cambiasi 14-1/4 (1960)
  • Via Giovanni Antonio Amadeo 24 (1961)
  • Via Archimede 83 (1961)
  • Via Romolo Bitti 28 (1961)
  • Via Domenichino (1963)
  • Via Vallazze 96 (1968)

Altri edifici[modifica | modifica wikitesto]

  • Rifacimento Villa Pomini all'Alpino di Stresa - Viale Mottino 18 - Alpino (VB) (1936)
  • Basilica di Santa Rita da Cascia - Cascia (PG) - (Insieme a Giuseppe Calori)
  • Chiesa Grande di Ponte Chiasso (CO) (1964)[6]
  • Seminario Vescovile - Via Baserga 81 - Como (1961-1966)[7]
  • Casa di San Giuseppe - Nova Domus - Roma

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Roberto Martinenghi – Il villino moderno: raccolta di progetti di ville e villini – Volume 1, 2, 3 – Arch. G. Martinenghi & Fratelli, Milano 1919
  • Angelini, Antonicelli, Leonardi, Martinenghi – Ville E Casette. Raccolta Di 80 progetti – Volume 1, 2, 3 – Arch. Giuseppe Martinenghi, Milano 1925
  • Giuseppe Roberto Martinenghi – 50 ville – G.R.M. Editore, Milano 1940
  • Paolo Costermanelli, Guido Gai, Renzo Gerla, Giuseppe Martinenghi – Esempi di architettura moderna in Germania: mostra fotografica. Catalogo delle fotografie esposte – Ordine regionale Lombardo architetti, Politecnico di Milano. Facoltà di architettura, Villa Reale. Editore Cartografica, 1953
  • Giuseppe Roberto Martinenghi – Catalogo monografico di pittura – Ponte Rosso, Milano 1970

Tesi su Giuseppe Martinenghi[modifica | modifica wikitesto]

  • T. Adorno, Giuseppe Roberto Martinenghi. Architetto del Novecento milanese, Tesi di Laurea, relatore A. Alpago Novello, correlatore V. Hybsch, Politecnico di Milano 1986/87
  • D. De Martini, Mario Borgato, Rino Ferrini e Giuseppe Martinenghi. Architetti nella Milano degli Anni Trenta, relatore M. De Benedetti, Politecnico di Milano 1994/95
  • E. Calvi, A. Empironi, Milano anni ’30. Il nuovo volto della città: alla ricerca di uno stile, Tesi di Laurea, relatore A. Mioni, correlatore F. Beltrami Gadola, Politecnico di Milano 1996/97
  • A. Coccoli, Giuseppe Martinenghi Architetto. La costruzione della città: 30 case milanesi 1924-1952, Tesi di Laurea, relatore R. Dulio 2017/2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Comune premia i cittadini benemeriti, in Corriere della Sera, 4 dicembre 1958, p. 4.
  2. ^ a b Augusto Rossari, Frammenti e sequenze. Milano, gli architetti, gli ingegneri e l'immagine urbana negli anni venti e trenta. In Vittorio Franchetti Pardo, L'architettura nelle città italiane del XX secolo: dagli anni Venti agli anni Ottanta, Editoriale Jaca Book, 1º gennaio 2003, ISBN 9788816406322. URL consultato il 24 ottobre 2016.
    «Quali esempi di una operosità espressa con una coerenza di linguaggio che è valsa a caratterizzare in modo inequivocabile considerevoli parti del tessuto urbano milanese si vogliono ricordare le figure dell'architetto Giuseppe Martinenghi ... e dell'ingegnere Luigi Lorenzo Secchi: il primo prevalentemente rivolto alla realizzazione di edifici residenziali ... La copiosa attività professionale di Martinenghi fornisce una testimonianza della modalità di diffusione del gusto novecentista: nel periodo dal 1933 al 1939 risultano a lui intestate ben 64 licenze edilizie quasi tutte per case di abitazione civile o di lusso.».
  3. ^ Arredi e dipinti antichi: eredità dell'architetto Giuseppe Martinenghi ed altre provenienze : Finarte, Milano, 28 e 29 marzo 2001, Finarte, 1º gennaio 2001. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  4. ^ Scheda testata: Milano (1929-1943), su emeroteca.braidense.it. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  5. ^ Rossana Bossaglia e Valerio Terraroli, Milano déco: la fisionomia della città negli anni Venti, Skira, 1º gennaio 1999. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  6. ^ Fabio Cani, XXCO_097: Una chiesa multiforme, su www.jsc15.it. URL consultato il 24 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2016).
  7. ^ ecoinformazioni, Un seminario nel paesaggio, su XXCO - L'architettura del XX secolo in provincia di Como, 17 dicembre 2016. URL consultato il 29 marzo 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa civile in V. San Siro ang. M. Bianco e Nuova costruzione in V. Monterosa, 67 in Case d’oggi, Ed. La Casa, agosto 1933, pag. 238-239
  • Due case a Milano, in Case d’oggi, Ed. La Casa, febbraio 1937, pag. 33
  • Casa civile a Milano in Case d’oggi, Ed. La Casa, febbraio 1938, pag. 14
  • Casa civile a Milano in Case d’oggi, Ed. La Casa, novembre 1941, pag. 36
  • I settantacinque anni della società cooperativa edificatrice abitazioni operaie di Milano 1879-1954, Milano, Società edificatrice abitazioni operaie, 1954
  • Maurizio Boriani, Corinna Morandi, Augusto Rossari - Milano contemporanea, Designers Riuniti, 1986, in seguito Maggioli Editore, 2007, pp. 59–61[1]
  • Alberto Mioni - Milano anni '30: cromosomi di una grande città, in “Urbanistica” n. 110, giugno 1998, pp. 134–151[2]
  • Rossana Bossaglia e Valerio Terraroli, Milano déco: la fisionomia della città negli anni Venti, Skira, 1999, pp. 174, 182
  • Augusto Rossari - Milano: gli architetti, gli ingegneri e l'immagine urbana negli anni Venti e Trenta in L'architettura nelle città italiane del XX secolo. Dagli anni Venti agli anni Ottanta, a cura di Vittorio Franchetti Pardo. Jaca Book, 2003[3]
  • Oscar Pedro Melano - Milano e l’eclettico déco 1900-1950 - Ed. Mazzotta, 2004, pp. 202, 223-224, 262, 273-277, 327
  • Francesco Ogliari, Roberto Bagnera - Milano déco - Selecta, 2008, pp. 43–48
  • Augusto Rossari - Storie di architetti e ingegneri. Variazioni su temi milanesi. Edizioni L'Ornitorinco, 2013[4]
  • Karl Kolbitz - Entryways of Milan / Ingressi di Milano - Taschen, 2017, pp. 2, 44, 45, 48, 61, 128, 129, 201, 203[5]
  • Pietro Ricca - Milano architettura e paesaggio 1920-2016 - Supernova, 2017, pp. 141, 186[6]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35396744 · WorldCat Identities (ENviaf-35396744
  1. ^ Boriani, Maurizio, 1946- e Rossari, Augusto., Milano contemporanea : itinerari di architettura e urbanistica., Maggioli, 2007, ISBN 978-88-387-4147-0, OCLC 886367157.
  2. ^ Urbanistica, 110, su www.planum.net. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  3. ^ Vittorio Franchetti Pardo, L'architettura nelle città italiane del XX secolo: dagli anni Venti agli anni Ottanta, Editoriale Jaca Book, 1º gennaio 2003, ISBN 9788816406322. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  4. ^ Augusto Rossari, Storie di architetti e ingegneri. Variazioni su temi milanesi, L'Ornitorinco, 1º gennaio 2013, ISBN 9788864000466. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  5. ^ Karl Kolbitz, Entryways of Milan – Ingressi di Milano, Taschen, 2017, ISBN 978-3-8365-6418-2.
  6. ^ Pietro Ricca, Milano architettura e paesaggio 1920 - 2016, ISBN 978-88-6869-112-7.