Giuseppe Curcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Maria Curcio o Curci (Napoli, 17 luglio 1752Roma, 9 agosto 1832) è stato un compositore italiano.

Ricevette la propria formazione musicale al Conservatorio della Pietà dei Turchini. Nel 1779 debuttò come operista al Teatro del Fondo di Napoli con la commedia I matrimoni per inganno. Successivamente per diversi anni compose parecchie opere, sia serie che buffe, principalmente per i teatri napoletani, per Roma e per Firenze. Nel 1797 diventò in quest'ultima città membrò dell'Accademia degli Armonici e l'11 gennaio 1800 fu nominato maestro di cappella del Duomo di Fermo, succedendo così a Giuseppe Giordani. Terminò il suo incarico nel 1823, anno in cui si stabilì a Roma, dove morirà nove anni dopo.

Lavori[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • I matrimoni per inganno (commedia per musica, libretto di Giuseppe Palomba, 1779, Napoli)
  • Il millantatore (farsa, libretto di Giuseppe Palomba, 1780, Napoli)
  • La scaltra in amore (dramma giocoso, libretto di Pasquale Mililotti, 1780, Napoli)
  • I matrimoni per sorpresa (intermezzo, 1781, Roma)
  • Solimano (dramma per musica, libretto di Giovanni Ambrogio Migliavacca, 1782, Teatro Regio di Torino diretta da Gaetano Pugnani con Pietro Benedetti)
  • La Nitteti (dramma per musica, libretto di Pietro Metastasio, 1783, Teatro San Carlo di Napoli con Domenico Bruni (cantante))
  • Le convulsioni (farsa, libretto di Giuseppe Palomba, 1787, Napoli)
  • Amore e Psiche (ballo eroico pantomimico per la Briseide di Ferdinando Robuschi, 1791, Napoli)
  • Il trionfo di Scipione in Cartagine dramma per musica, libretto di C. Mazzini, 1795, Firenze)
  • Emira e Zopiro (dramma tragico per musica, libretto di Francesco Ballani, 1795, Firenze)
  • La presa di Granata (dramma per musica, libretto di Francesco Ballani, 1795, Livorno; anche come La conquista di Granata, 1796, Firenze)
  • Giulio Cesare in Egitto (dramma per musica, libretto di Francesco Ballani, 1796, Roma)
  • Le nozze a dispetto (commedia per musica, libretto di Giuseppe Palomba, 1797, Napoli)
  • Zulema (Gonzalvo di Cordova) (dramma per musica, libretto di O. Balsamo, 1797, Teatro San Carlo di Napoli con Giuseppina Grassini e Giacomo David)
  • I supposti deliri di donna Laura (burletta, 1798, Roma)
  • La disfatta dei Macedoni (dramma per musica, 1798, Roma)
  • Argea, ovvero Sicione liberata (dramma per musica, libretto di Gian Domenico Boggio, 1799, Firenze)
  • Ifigenia in Aulide (dramma per musica, libretto di G. Moretti, 1799, Firenze)
  • Il fanatico per l'astronomia (L'astronomo burlato) (dramma giocoso, 1799, Roma)
  • Roma liberata (dramma per musica, libretto di Francesco Ballani, 1800, Roma)
  • Chi la fa la paga (burletta, 1804, Roma)
  • Amazilda (dramma per musica, 1808, Roma)

Altri lavori[modifica | modifica wikitesto]

  • 10 messe
  • Domine Deus in do maggiore per soprano e orchestra
  • 6 Credo
  • 4 graduali
  • 2 sequenze
  • 27 offertori
  • 4 lezioni
  • 10 antifone
  • 20 salmi
  • 24 inni
  • 5 litanie
  • 4 Magnificat
  • 5 canzoni devozionali:
    • Improperii per l'adorazione della croce in si bemolle maggiore per 2 tenori e basso
    • Tua crucem adoraumus in sol maggiore per 2 tenori, basso e organo
    • Madre il periglio estremo in si maggiore per soprano, contralto, 2 tenori, basso e organo
    • Per le piaghe in fa maggiore per 2 tenori, basso e organo
    • Su quel freddo e duro sasso in sol maggiore per 2 tenori, basso e organo
  • Se dal ciel alma sì bella (cantata)
  • Astro novello (cantata per 2 voci, 1801, Fermo; dubbia attribuziione)
  • Lungi da te l'affanno (cantata, 1803, Fermo)
  • La gioia pubblica (cantata, 1808, Fermo)
  • 6 sonate per fortepiano

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76580011 · ISNI (EN0000 0000 7692 7153 · SBN IT\ICCU\MUSV\019296 · LCCN (ENno2008158241 · GND (DE14045084X · BNF (FRcb14792062t (data)