Giulio Acciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giulio Acciani (Bagnoli Irpino, 1651Napoli, 1681) è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poeta napoletano, usava nei suoi scritti utilizzare il dialetto (come nel poemetto La Caputeide) e l'arte delle rime satiriche. Tali opere rimasero poi nascoste e inedite sino all'Ottocento. Salvatore Belloni ebbe a giudicarlo "Seguace non infelice del Berni nei capitoli giocosi, de' quali alcuni trivialissimi, nelle satire ... dà qualche volta nello sboccato"[1].

Viene ricordato anche per le sue idee sulla medicina, facendosi coinvolgere nella disputa fra i due schieramenti dell'epoca; la sua idea auspicava una medicina più vicina ai progressi scientifici dell'epoca, schierandosi di fatto coi cosiddetti accademici investiganti che all'epoca si opponevano ai medici tradizionalisti.

Fu sepolto a Napoli in San Domenico Maggiore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Belloni, Storia letteraria d'Italia scritta da una società di professori, vol. 7 (Il Seicento), Vallardi, Milano s.d., p. 228.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Barra: Dizionario Biografico degli Irpini. Volume Primo, pp. 49-54, Elio Sellino Editore, Avellino, 2005.
  • Salvatore Marano e Giulio Capone, Un poeta satirico del XVII secolo, Jovine, Salerno 1892.
  • Giulio Acciano, Rime (a cura di Luigi Montella), Edizioni dell'Orso, Alessandria 1998, ISBN 978-8876943119.
  • Giulio Acciano, Poesie satiriche e giocose (a cura di Luigi Montella), Edizioni dell'Orso, Alessandria 2012, ISBN 978-8862744218.
  • Antonio Cella, Giulio Acciano: “Goffo natural talento”, "Fuori dalla Rete", maggio 2015, Anno IX, n.3. Online qui.
  • Fausto Nicolini, ACCIANO, Giulio, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 1, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1960. Modifica su Wikidata

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15068775 · ISNI (EN0000 0000 5244 0084 · SBN IT\ICCU\RMLV\038825 · LCCN (ENnr99005552 · GND (DE1042062455 · BNF (FRcb15110918s (data) · CERL cnp01390922 · WorldCat Identities (ENnr99-005552