Giovanni Battista Laderchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arma Laderchi. Affresco nel palazzo del Colombarone a Marano sul Panaro[3]

Il conte[1] Giovanni Battista Laderchi, detto l’Imola (Laderchio, 1538[2]Modena, 5 febbraio 1618) è stato un avvocato italiano. Dal marzo 1583[4] fino alla sua morte[5] fu segretario del Duca di Ferrara, Modena e Reggio, e di quello di Modena e Reggio dopo la devoluzione di Ferrara allo Stato Pontificio[4][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Testamento del giureconsulto conte Giambattista Laderchi (1538-1618).
  2. ^ Nacque presumibilmente nel 1538”, scrive il Montagnani (Cfr. “Giovan Battista Laderchi nel governo estense (1572-1618)”, Aedes Muratoriana, Modena, 1977 - Pag. 103).
  3. ^ Museo dei Montecuccoli di Guiglia - Pannello intitolato “L’eredità di Gian Battista Laderchi” - Autore: Stefano Santagata.
  4. ^ a b [2] Giovanni Battista Laderchi nel “Dizionario biografico degli italiani”.
  5. ^ [3] Laderchi conservò la medesima carica a Modena con Cesare d'Este.
  6. ^ [4] In realtà, “Il Laderchi continuò nel suo incarico di segretario, consolidando il suo potere personale, fino a divenire un vero e proprio Primo Ministro”.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Montagnani, “Giovan Battista Laderchi nel governo estense (1572-1618)”, Aedes Muratoriana, Modena, 1977
  • Euride Fregni, “Archivi Territori Poteri in area estense (Secc. XVI-XVIII)”, Bulzoni editore, Roma, 1999
  • Girolamo Tiraboschi, “Biblioteca modenese o notizie della vita e delle opere degli scrittori natii degli Stati del Serenissimo signor Duca di Modena raccolte e ordinate dal Cavaliere ab. Girolamo Tiraboschi consigliere di S.A.S. presidente della Ducal biblioteca, e della Galleria delle medaglie, e professore onorario nella università della stessa città, Tomo III”, Società Tipografica, Modena, 1783
  • Giovan Battista Spaccini, “Cronaca di Modena'”', a cura di G. Bertoni, T. Sandonnini, P.E. Vicini, in “Monumenti di storia patria delle province modenesi, vol. XVII”, Modena, 1911

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [5] Giovanni Battista Laderchi nel “Dizionario biografico degli italiani”
Controllo di autoritàVIAF (EN45510564 · ISNI (EN0000 0000 7728 8592 · SBN IT\ICCU\BVEV\051797 · LCCN (ENn94034718 · GND (DE134082435 · BAV ADV10981798 · CERL cnp01236173