Giovanni Aurelio Augurelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Aurelio Augurelli (Rimini, 1456[1]Treviso, 1524) è stato un umanista, poeta e alchimista italiano.

Nato a Rimini, visse prevalentemente a Venezia. È noto soprattutto per i suoi rapporti con Pietro Bembo, del quale corresse, insieme a Trifon Gabriele, le ''Prose della volgar lingua''. Notevoli i suoi versi volgari, mai andati a stampa, ma noti attraverso un esiguo numero di manoscritti, e un suo poema latino di argomento alchemico intitolato Chrysopoeia, del 1515, dedicato a Leone X. Scrisse anche dei Carmina (1505). Tra le sue opere si ricordano anche il Geronticon liber, Iambici libri, Sermonum libri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Weiss, "AUGURELLI (Augurello, Agorelli), Giovanni Aurelio" in Dizionario Biografico degli Italiani. URL consultato il 29 settembre 2011.
Controllo di autorità VIAF: 32116944 · GND: 121348970 · BNF: cb12586805b (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie