Gian Giacomo Adria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gian Giacomo Adria

Gian Giacomo Adria, Johannes Jacobus Adria de Paulo (Mazara del Vallo, 1485 circa[1]Palermo, 1560), è stato un medico, umanista e storiografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compì i primi studi umanisti a Mazara del Vallo[2], per poi trasferirsi a Palermo dove studiò retorica. Si spostò poi a Napoli, e il 29 giugno 1510[1] conseguì la laurea dottorale in filosofia e medicina a Salerno[2].

Cominciò ad esercitare la professione di medico in Sicilia, fino ad essere nominato Protomedico di Sicilia e creato cavaliere del Sacro Romano Impero da Carlo V.

Scrisse diverse opere a carattere storico-scientifico e a carattere letterario e poetico.

Morì all'età di 75 anni circa[2] a Palermo, e fu sepolto nella chiesa di San Francesco d'Assisi, in cui è possibile leggere il seguente epitaffio:

«Hic jacet in suo sepulcro excellens Artium, et Medicinae Doctor Johannes Jacobus Adria de Paulo Siculus et Mazariensis Miles, et Medicus Imperialis, Siciliae Protomedicus, et concivis Panormitanus anno 1560.»

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opere scientifiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Gian Giacomo Adria, De fluminibus Selinunti et Mazaro, 1513.[3]
  • Gian Giacomo Adria, Topographiae inclitae Civitatis Mazariae, Palermo, Johan et Antonium Papam, 1515.[2][3]
  • Gian Giacomo Adria, De laudibus Siciliae et primo de Valle Mazariae, 1535.
  • Gian Giacomo Adria, De praeservatione pestilentiae ad Antonium filium.[2][3]
  • Gian Giacomo Adria, De Phlebotomia ad Carolum Imperatorem.[2][3]
  • Gian Giacomo Adria, De Balneis sicilis ad Antonium filium.[2][3]
  • Gian Giacomo Adria, De Medicinis ad varios morbos hominum.[2][3]
  • Gian Giacomo Adria, De vita sanctorum Martyrum mazariensium.[1]

Opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Gian Giacomo Adria, De laudibus virtutis, 1515.[3]
  • Gian Giacomo Adria, Epistola ad coniugem, Palermo, Antonium de Mayda, 1516.[2]
  • Gian Giacomo Adria, Epistola versu elegiaco ad coniugem Antoniam Scherinam, 1528.[3]
  • Gian Giacomo Adria, De laudibus Christi contra haereticos, 1529.[3]
  • Gian Giacomo Adria, In libellum de laudibus Christi explanatio, 1538.[3]
  • Gian Giacomo Adria, Liber de passione Christi, 1538.[3]
  • Gian Giacomo Adria, Historia Sicula M.S..[2]
  • Gian Giacomo Adria, Legenda SS. Viti, Modesti, et Crescentiae ad Mazariensis.[2]

Manoscritti[modifica | modifica wikitesto]

I presenti manoscritti sono conservati presso la Biblioteca Comunale di Palermo:

  • Gian Giacomo Adria, De situ vallis Mazariae ad Hectorem Pignatelli Proregem.[2][3]
  • Gian Giacomo Adria, Litoralia Siciliae de Peloro ad Lylibaeum.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Zapperi, «ADRIA, GianGiacomo», in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 1, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1960.
Controllo di autoritàVIAF (EN88350586 · ISNI (EN0000 0004 1960 8585 · SBN IT\ICCU\CFIV\097423
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie