George Bellew

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sir George Rothe Bellew (Dublino, 13 dicembre 1899Surrey, 1993) è stato un ufficiale irlandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Richard Eustace Bellew, figlio di Edward Bellew, II barone Bellew, e di sua moglie, Gwendoline Herbert-Huddleston. Studiò a Wellington College, nel Berkshire, e al Christ Church di Oxford.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, con il grado di Squadron Leader entrò nella Royal Air Force Volunteer Reserve.

Ricoprì la carica di Somerset Herald of Arms in Ordinary (1926-1950). Dal 1935 ricoprì la carica di cancelliere del Collegio d'Armi, una posizione che ha mantenuto fino al 1945. Nel 1950, è stato nominato Re d'armi della Giarrettiera, carica che ricoprì fino al luglio 1961.

Nella sua qualità di Re d'armi della Giarrettiera, egli fu il primo a leggere pubblicamente il proclama del Consiglio di adesione, nel 1952, che dichiarò l'ascesa della regina Elisabetta II al trono britannico. Fu anche segretario del Ordine della Giarrettiera (1961-1974).

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 24 settembre 1935, Ursula Kennard Cull (?-1994), figlia di Anders Knos Cull. Ebbero un figlio:

  • Richard George Bellew (29 dicembre 1936), sposò Shona Deirdre Leask, ebbero tre figli.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì nel 1993 ed è sepolto nella Church of St Benet Paul's Wharf.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Commendatore dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine del Bagno
Commendatore dell'Ordine reale vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine reale vittoriano
Cavaliere di Grazie e Giustizia del Venerabile ordine di San Giovanni - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Grazie e Giustizia del Venerabile ordine di San Giovanni
Controllo di autoritàVIAF (EN41474079 · ISNI (EN0000 0001 1093 8746 · LCCN (ENno99036179 · WorldCat Identities (ENno99-036179