Gaston Lagaffe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaston Lagaffe
Belgique - Louvain-la-Neuve - Rue des Wallons - 10.jpg
Pittura murale di Gaston Lagaffe in rue des Wallons a Louvain-la-Neuve in Belgio.
Lingua orig.Francese
AutoreAndré Franquin
EditoreDupuis
1ª app.1960 – 1991
1ª app. in28 febbraio 1957
SessoMaschio

Gaston Lagaffe è un personaggio immaginario, protagonista dell'omonimo fumetto, ideato e disegnato dal fumettista belga André Franquin.

Il personaggio di Gaston Lagaffe, l'antieroe per eccellenza, nasce nel febbraio del 1957 sul giornale Spirou, in un disegno in bianco e nero. Prima di diventare un fumetto Gaston Lagaffe continua ad apparire nei diversi numeri di Spirou, fino al 1960, quando si decise di creare una serie di albi.

Il primo album di Gaston Lagaffe viene pubblicato nel 1960 e appartiene alla collezione detta "classica".

Gaston Lagaffe è considerato uno tra i migliori personaggi dei fumetti usciti in Belgio.

Personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Gaston è un ragazzo di cui non si conosce l'età, sicuramente poco più che ventenne. Indossa un maglione a collo alto verde con l'ombelico scoperto, con la canottiera bianca che si intravede da sotto, dei jeans e delle espadrillas blu che mette sempre con calzetti rossi.

Ama i suoi amici, la natura e ha molti animali domestici (tra cui un gatto, un pesciolino rosso e un gabbiano).

Lavora per la rivista Spirou, ma si inventa sempre qualcosa da fare pur di non lavorare. Tra i suoi colleghi troviamo inizialmente Fantasio (personaggio), ma dal 1968 André Franquin aggiunge attorno a Lagaffe tanti altri personaggi come Prunelle, Lebrac l'illustratore, Mademoiselle Jeanne (di cui Gaston è innamorato) e tanti altri.

Il cognome "Lagaffe" è un gioco di parole: in francese "la gaffe" fa immediatamente capire al lettore che Gaston è il re dei pasticci.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN214981251 · ISNI (EN0000 0003 5905 4188 · WorldCat Identities (ENviaf-214981251
Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti