Gaio Aquillio Tusco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Aquillio Tusco
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Gaius Aquillius Tuscus
Gens Aquillia
Consolato 487 a.C.

Gaio Aquillio Tusco (in latino: Gaius Aquillius Tuscus; ... – ...) è stato un politico e militare romano del V secolo a.C..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu eletto console nel 487 a.C. con Tito Sicinio Sabino.[1][2]

Anche in quell'anno si registrarono scontri contro le popolazioni limitrofe, in questo caso Volsci ed Ernici, e come spesso accadde quando l'Urbe fu attaccata da più nemici, i consoli si divisero le legioni per attaccare separatamente i nemici.

Caio Aquilio conseguì il comando dell'esercito nella campagna contro gli Ernici[3]. Le legioni di Roma sconfissero in battaglia gli Ernici[4], ma il console ottenne solo l'ovatio, una forma minore di trionfo[5].

« ....Consoli Tito Sicinio e Caio Aquilio. A Sicinio toccarono i Volsci, ad Aquilio gli Ernici, scesi anche loro in campo. Quell'anno gli Ernici furono sconfitti. La guerra coi Volsci, dopo alterne fortune, si risolse in un nulla di fatto. »
(Tito Livio, Ab Urbe condita libri, II, 40)

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Spurio Nauzio Rutilo
e
Sesto Furio Medullino Fuso
(487 a.C.)
con Tito Sicinio Sabino
Spurio Cassio Vecellino III
e
Proculo Verginio Tricosto Rutilo