Furio Cerutti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«La globalizzazione dei diritti umani dovrebbe avere il suo culmine con il riconoscimento del diritto che ha il Genere Umano alla sopravvivenza»

(F. Cerutti)

Furio Cerutti (Genova, 1938) è un filosofo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Furio Cerutti è professore di Filosofia politica nella Facoltà di Lettere e Filosofia e membro del Dipartimento di Filosofia di Firenze.
Negli scorsi anni Cerutti ha svolto attività d'insegnamento e di ricerca nelle Università di Heidelberg, Francoforte sul Meno, Manchester, all'Université libre de Bruxelles, alla Harvard Law School, Center for International Affairs della Harvard University, alla Université de Paris 8 ed alla Humboldt-Universität zu Berlin.
I primi lavori di Cerutti vertono principalmente sul marxismo occidentale e la "teoria critica" propria della Scuola di Francoforte da cui, tra l'altro proviene.

Cerutti ha poi lavorato e sta tuttora lavorando sulla filosofia politica delle relazioni internazionali ed affari globali, seguendo due diverse tematiche:

  • La teoria delle sfide globali (armi nucleari e riscaldamento globale);
  • La questione dell'identità politica (non sociale o culturale) degli europei in relazione con la legittimazione dell'Unione Europea.

Da ricordare la sua amicizia con Norberto Bobbio del quale Cerutti stesso si ritiene allievo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia e coscienza di classe oggi, con scritti inediti di Lukács, Milano, 1977.
  • Totalità, bisogni e organizzazione, Firenze, 1980.
  • Marxismo e politica. Saggi e interventi, Napoli, 1981.
  • Gli occhi sul mondo. Le relazioni internazionali in prospettiva interdisciplinare, a cura di, Roma, 2000.
  • Global Challenge for Leviathan. A Political Philosophy of Nuclear Weapon and Global Warming, Lanham, Md., Rowman&Littlefield, 2007.
Edizione italiana: Sfide globali per il Leviatano. Una filosofia politica delle armi nucleari e del riscaldamento globale, Milano, Vita e pensiero, 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12884240 · ISNI (EN0000 0001 1560 3515 · LCCN (ENn79107279 · BNF (FRcb12020270k (data)