Funisia dorothea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Funisia
Immagine di Funisia dorothea mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum incertae sedis
Genere Funisia
Specie F. dorothea

La funisia (Funisia dorothea) è un organismo estinto simile a un verme, vissuto nel Proterozoico superiore (Ediacarano, circa 550 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Australia meridionale e fanno parte della cosiddetta fauna di Ediacara.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo organismo era di aspetto simile a un verme, ma probabilmente viveva ancorato sul fondo del mare. Alto circa trenta centimetri, possedeva un corpo multisegmentato, sottile e allungato. Numerosi individui sono stati rinvenuti allo stato fossile l'uno accanto all'altro, a suggerire che in vita Funisia era un organismo gregario.

Significato dei fossili[modifica | modifica sorgente]

Si ritiene che Funisia si riproducesse sessualmente, a causa del fatto che i fossili di questo animale sono stati ritrovati in gruppi di 5 / 15 esemplari, e mostrano un tipo di propagazione osservabile in animali dalla riproduzione sessuale. Anche se l'evoluzione del sesso negli organismi ha avuto luogo prima dell'origine degli animali e delle piante (vi sono prove di riproduzione sessuale in alghe rosse risalenti a 1.200 milioni di anni fa, note come Bangiomorpha pubescens), Funisia rappresenta uno dei più antichi metazoi a possedere questa caratteristica.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Le parentele di Funisia non sono chiare; il tipo di riproduzione e l'organizzazione corporea fanno supporre che questo organismo fosse un animale a tutti gli effetti, forse imparentato con i poriferi (spugne) o gli cnidari (meduse e coralli). Funisia è stato descritto per la prima volta nel 2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mary L. Droser and James G. Gehling (21 March 2008). "Synchronous Aggregate Growth in an Abundant New Ediacaran Tubular Organism". Science 319 (5870): 1660–1662.
  • Butterfield, N. J. (2000-09-01). "Bangiomorpha pubescens n. gen., n. sp.: implications for the evolution of sex, multicellularity, and the Mesoproterozoic/Neoproterozoic radiation of eukaryotes". Paleobiology 26 (3): 386–404.
Paleontologia Portale Paleontologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paleontologia