Franco Nenci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Nenci
Franco Nenci.jpg
Nazionalità Italia Italia
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria pesi superleggeri
Carriera
Incontri disputati
Totali 57
Vinti (KO) 36 (3)
Persi (KO) 13 (8)
Pareggiati 8
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Melbourne 1956 superleggeri
 
Franco Nenci

Franco Nenci (Livorno, 27 gennaio 1935) è un ex pugile italiano, e poi allenatore di pugilato, che ha partecipato alle Olimpiadi di Melbourne del 1956 vincendo la medaglia d'argento nella categoria dei pesi superleggeri.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanissimo inizia a lavorare al porto ed a frequentare la palestra di pugilato della città, l'Associazione Pugilistica Livornese (APL), a quei tempi situata presso il Mercato Centrale. Si dimostra presto un pugile abilissimo, dotato di qualità tecniche eccezionali e di una rapidità di esecuzione fuori del comune. Inizia la sua carriera dilettantistica all'età di 17 anni, ed assieme al suo sparring partner Mario Sitri, si qualifica per i giochi Olimpici di Melbourne 1956, in Australia. Nenci esordì il 24 novembre e brillò fin dall'inizio battendo il pakistano Rehmat Gul per KO alla 3ª ripresa; vinse poi ai punti contro il tedesco Willi Roth, considerato da Nenci come l'avversario più ostico di Melbourne e poi ancora contro l'argentino Antonio Marcilla ed il rumeno Constantin Dumitrescu. Nella finale olimpica incontrò il formidabile pugile dell'Unione Sovietica Vladimir Yengibaryan, già campione europeo assoluto di Varsavia nel 1953. Con Yengibaryan, Nenci lottò con grande coraggio ma venne sconfitto ai punti, dopo una split decision in cui un arbitro statunitense decise inaspettatamente a favore del russo. Fu dunque medaglia d’argento olimpica dei pesi superleggeri, il traguardo più elevato a cui un pugile livornese sia mai arrivato. Negli anni seguenti iniziò la carriera da professionista che lo portò in pochi anni a combattere ad Istanbul contro Garbis Zakaryan, a Madrid, a Tunisi contro Omrane Sadok, ed a Roma contro il campione italiano Domenico Tiberia, ma l'incontro che Franco Nenci ricorda con più emozione fu quello di Ginevra contro Epiphane Akono, nel quale andò al tappeto per ben tre volte, si rialzò caparbiamente ogni volta conquistando un pari ai punti. Vinse anche con l'atleta di colore Charley Douglas a Livorno. Concluse la carriera nel 1967 a Senigallia con una vittoria su Domenico Belvederesi. Il suo record fu di 36 vittorie (3 per KO), 8 pari e 13 (8 per KO) sconfitte per un totale di 57 incontri disputati da professionista[1]. Franco Nenci, ancora oggi nel pieno dell'attività di allenatore rappresenta un punto di riferimento imprescindibile per il pugilato livornese, simbolo della continuità tra passato e presente, tra tradizione ed innovazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]