Francisco Fernández de la Cueva (1575-1637)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francisco Fernández de la Cueva

Viceré di Catalogna
Durata mandato 1615 –
1619
Monarca Filippo III
Predecessore Francisco Hurtado de Mendoza
Successore Fernando Afán de Ribera, duca di Alcalá

Viceré di Sicilia
Durata mandato 1627 –
1632
Monarca Filippo IV
Predecessore Enrique Pimentel
Successore Fernando Afán de Ribera, duca di Alcalá

Francisco Fernández de la Cueva, VII duca di Alburquerque, IV marchese di Cuéllar, VII conte di Huelma e VII conte di Ledesma, (in spagnolo: Francisco III Fernández de la Cueva) (Cuéllar, 1575Madrid, 18 luglio 1637), è stato un politico e ufficiale spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel castello di Cuéllar, era il figlio di Beltrán de la Cueva, e della sua prima moglie, Isabel de la Cueva. Nel 1612 successe al padre al ducato.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1615 è stato nominato da Filippo III Viceré di Catalogna, incarico che ha ricoperto fino al 1619.

Nel 1627 fu nominato Viceré di Sicilia, incarico che ha ricoperto fino al 1632.

Membro dei Consigli di Stato e di guerra di Filippo IV, è stato anche ambasciatore a Roma, e, infine, presidente dei Consigli Supremi d'Italia e d'Aragona.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Primo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 23 aprile 1598, Antonia de Toledo, figlia di Diego Álvarez de Toledo. Non ebbero figli.

Secondo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò Ana María de Padilla Manrique, figlia di Martín de Padilla. Ebbero un figlio:

  • Beltrán de la Cueva (1602-1617)

Terzo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 22 gennaio 1614, Ana Enríquez de Cabrera, figlia di Luis Enríquez de Cabrera. Ebbero nove figli:

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 18 luglio 1637 a Madrid.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francisco Fernández de Bethencourt, Historia genealógica y heráldica de la Monarquía Española, Casa Real y Grandes de España, 1920, Tomo X.