Francesco Salari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Salari (Bergamo, 1751Bergamo, 27 dicembre 1828) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver cantato da giovane nel coro della cattedrale della sua città natale, ricevette la sua formazione musicale presso il Conservatorio di Sant'Onofrio a Porta Capuana a Napoli da parte di Carlo Cotumacci e Joseph Doll. Successivamente studiò composizione per cinque anni sotto l'insegnamento dell'allora celebre Niccolò Piccinni e dal 1776, invece, con Giovanni Andrea Fioroni a Milano.[1]

Iniziò probabilmente l'attività di compositore d'opere a Casale Monferrato, dove debuttò nel 1776 con l'Ifigenia in Auilde (opera tutt'oggi perduta). Nello stesso anno si recò a Venezia per rappresentare altre sue opere: vi rimase sino al 1805, quando decise di tornare nella nativa Bergamo. Ivi fu nominato secondo maestro di cappella della Basilica di Santa Maria Maggiore e insegnò al Liceo Musicale cittadino: tra i suoi allievi ebbe anche il giovane Gaetano Donizetti.[1]

Lavori (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica