Francesco de Bourcard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Francesco De Bourcard)
Jump to navigation Jump to search

Francesco de Bourcard (...) è un editore e letterato italiano di origine svizzera, noto soprattutto per aver coordinato l'edizione di Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti, un'opera sulla descrizione della città di Napoli e delle tradizioni locali. Se ne hanno poche notizie biografiche.

Copertina di Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti,1853, vol.1 prima edizione

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia svizzera originaria di Basilea, era nipote del Maresciallo Emanuele Burckhardt[1][2] (il cognome fu poi francesizzato in de Bourcard), capitano generale del Regno di Napoli, distintosi nella Guerra dei sette anni e nella conquista di Roma (1798-1799).

Appassionato studioso della vita quotidiana della città, de Bourcard si dedicò per circa vent'anni, dal 1847 al 1866, alla stesura dell'opera che lo rese famoso (la comparsa del primo volume avvenne nel 1853), nell'ambito della quale sono ritratte le usanze del tempo, i personaggi tipici del popolo, ed un'ampia carrellata di feste popolari e religiose. Ai testi si accompagnano cento litografie che illustrano in forma grafica i soggetti descritti nei capitoli.

La particolarità dell'opera sta soprattutto nella grande levatura dei partecipanti, sia scrittori che artisti. Tra i primi spiccano, oltre allo stesso de Bourcard, Giuseppe Regaldi, Carlo Tito Dalbono, Francesco Mastriani, Emmanuele Rocco, Emanuele Bidera, Achille De Lauzières, Enrico Cossovich; tra i secondi l'incisore Francesco Pisante, Teodoro Duclère, Pasquale Mattej, Teodoro Ghezzi, Saverio Altamura, Carlo Martorana, Nicola Palizzi e suo fratello Filippo Palizzi, il quale disegnò poco meno della metà delle cento tavole complessive [3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

CondizioniFrancescoDeBourcard.jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Knight (1991) Emanuel de Bourcard, generalissimo svizzero al servizio di Ferdinando IV di Borbone, Atti della Accademia Pontaniana, Napoli, vol. XL, pp. 1-33
  2. ^ Carlo Knight (1995) Un Generale Svizzero al Servizio dei Borbone- In: Sulle orme del Gran Tour - Uomini Luoghi Società del Regno di Napoli. Electa Napoli, pp. 41-65
  3. ^ Flick, immagini De Bouscard in alta definizione con possibilità di leggere le firma relative alle tavole, su flickr.com. URL consultato il 2 febbraio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco de Bourcard, Isotta : dramma in quattro atti, Napoli, Tip. del Giornale Il Salvator Rosa, 1844, 1844, SBN IT\ICCU\RML\0115755.
  • Francesco De Bourcard, Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti, a cura di Francesco De Bourcard, Napoli, Marotta & Marotta, 2002 [1858], ISBN 9788899130305, OCLC 250649721, SBN IT\ICCU\MOL\0069720.
  • Lucio Fino, Scene e costumi popolari a Napoli tra '700 e '800 : stampe acquarelli e gouaches da Fabris a de Bourcard, Napoli, Grimaldi & C, 2004, SBN IT\ICCU\NAP\0325946.
  • Benedetto Croce, Nella Napoli borbonica degli ultimi tempi, in Napoli nobilissima : rivista di topografia ed arte napoletana , Nuova serie, volume 2 (1921), p. [129]-131, SBN IT\ICCU\NAP\0606753.
    «Gli Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti, opera diretta da Francesco de Bourcard, sono un magnifico libro, che mi meraviglio di non veder lodato e celebrato e ricercato come si dovrebbe, e che forse adesso comincerà a svegliare intorno a se questi meritati sentimenti, adesso che, come tanti altri libri, - dopo la rarefazione bibliopolica prodotta dalla guerra, - è diventato prezioso e quasi introvabile.».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN11265591 · ISNI (EN0000 0000 2417 3871 · LCCN (ENn85010335 · WorldCat Identities (ENn85-010335