Francesco Antonio d'Arco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Antonio d'Arco
Antonio d'Arco.gif

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XIII, XIV, XV, XVI, XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Democrazia costituzionale
Circoscrizione Mantova - Ostiglia
Incarichi parlamentari
Sottosegretario di Stato al Ministero degli affari esteri (10 febbraio 1891-10 maggio 1892)
Sito istituzionale

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 8 aprile 1897 –
Legislature XIX

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Possidente

Francesco Antonio Gerolamo D'Arco Chieppio Ardizzoni, Conte del Sacro Romano Impero (Milano, 1º agosto 1848Mantova, 7 maggio 1917), è stato un imprenditore e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Antonio d'Arco

Era figlio del conte Luigi d'Arco e della contessa Giovanna de Capitani d'Arzago di Milano. Pertanto era discendente dal ramo mantovano dei D'Arco, famiglia nobile di origine trentina attestata fin dal XII secolo, grande proprietario terriero.

Fu consigliere (1873-1893) e assessore comunale di Mantova (1874-1875), e anche consigliere provinciale di Mantova, membro della deputazione provinciale e deputato per sei legislature. Tra il 1891 e il 1892 ha ricoperto l'incarico di sottosegretario al Ministero degli esteri.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ebbe una figlia da Maria Cantoni -modista di umili origini- che non sposò mai pur riconoscendo la figlia.

  • Giovanna (1880-1973), sposò Leopoldo Guidi di Bagno [1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Malta

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]