Francesco Allegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Francesco Allegrini (Roma, 1624Roma, 21 luglio 1684) è stato un pittore italiano.

Luigi Garzi, Ritratto di Francesco Allegrini

Francesco, a sua volta figlio del pittore Flaminio Allegrini originario di Cantiano (1587-1666), nasce nel 1624 probabilmente a Roma, dove suo padre è documentato almeno a partire dal febbraio 1625. Flaminio (1587-1666) era giunto nella città dei papi nel 1601 ed era ben presto entrato a bottega da Giuseppe Cesari detto il Cavalier d'Arpino; Francesco muove i primi passi in pittura grazie al padre e successivamente diventa allievo dello stesso d'Arpino tra il 1636-1638 circa. La vicenda biografica e artistica dei due Allegrini (in verità tre, dato che Anna Angelica sorella di Francesco era una miniaturista; di lei purtroppo non si hanno molte notizie) si svolge principalmente tra Cantiano, Roma e Gubbio (ma anche Napoli e Savona per quanto riguarda Flaminio). Dopo il 1640, anno della morte del d'Arpino, Francesco si sposta a bottega da Pietro da Cortona (1596-1669) grazie al quale ottiene alcune delle sue più importanti commissioni nella capitale. La sua lunga attività è ripartita tra Roma e Gubbio; le sue prime opere romane sono per S.Maria dell'Umiltà (S.Michele arcangelo; S.Domenico di Soriano, 1640 ca) e per Palazzo Altieri (Stanza di Mosè, 1644-50). Tra il 1652-55 è certamente a Gubbio dove diviene un protetto del vescovo Alessandro Sperelli (1589-1672) che gli commissiona la Cappella del Sacramento nella cattedrale. Tra il 1655, anno della nomina come accademico dell'Accademia di San Luca e il 1660, è di nuovo a Roma dove è impegnato a palazzo Pamphilj in piazza Navona e nel convento dei domenicani alla Minerva, ex palazzo del Sant'Uffizio. Dal 1661 al 1681 risiede di nuovo stabilmente a Gubbio, dove 'se pur declinando, continuò per quasi due decenni a dominare il campo, sfogandosi, indisturbato, ad affrescar volte, cupole e lunettoni, e a sfornar pale d'altare, come un piccolo Cortona' (Marabottini, 1981). Gli affreschi della chiesa della Madonna del Prato (1676-77) lo consacrano monopolizzatore delle commissioni locali e gli valgono la promozione a maggiore affreschista umbro del '600. Il dipinto San Girolamo fra S.Antonio Abate e un Santo Papa (1681 ca ) conservato nella chiesa collegiata di Cantiano sembra essere la sua ultima opera, realizzata prima del definitivo rientro a Roma, dove muore nel 1684. A partire dalla biografia di Francesco scritta da P.Orlandi (1704) 'diverse sono state le ricostruzioni erronee della sua vita giungendo fino a ipotizzare che il pittore avesse avuto due figli artisti, Flaminio (detto junior) ed Angelica, circostanza totalmente priva di fondamento. La ricerca sulle vicende artistiche di padre e figlio si è rivelata alquanto problematica poiché le notizie biografiche dell'uno sovente sono confluite nella vita dell'altro; logica conseguenza di ciò è stato lo scambio spesso intercorso tra il corpus dei due pittori e così a Francesco, poiché più noto, sono state attribuite una serie di opere del genitore' (Nocella 2007). Studi recenti hanno finalmente permesso di delineare meglio le personalità artistiche degli Allegrini e fatto luce sul catalogo di entrambi.

  1. RINVIA Nome della pagina di destinazione

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

H.Rottgen, Il cavalier Giuseppe Cesari d'Arpino. Un grande pittore nello splendore della fama e nell'incostanza della fortuna, Roma 2002.

Manuela Nocella, Flaminio e Francesco Allegrini, Novità documentarie ed aggiunte al corpus delle opere, GESP, Città di Castello. 2007.


Controllo di autorità VIAF: (EN49494821 · LCCN: (ENnr2002043615 · ISNI: (EN0000 0000 5944 079X · BNF: (FRcb14961268x (data) · ULAN: (EN500115272