Forza di liberazione del Khalistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
KLF Logo.jpg

La Forza di liberazione del Khalistan o KLF (Khalistan Liberation Force) è un gruppo militante e parte del movimento Khalistan per creare una patria Sikh denominata Khalistan tramite la lotta armata. La KLF sembra essere una libera associazione di gruppi sparsi dei dispersi Khalistani.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La KLF Jathebandi (organizzazione) fu fondata da Aroor Singh e Sukhvinder Singh Babbar nel 1986.[2]

Altri leader KLF che furono a capo del KLF dopo Aroor Singh furono Avtar Singh Brahma[3], (ucciso dalla polizia del Punjab il 21 maggio 1988)[2], Gurjant Singh Budhsinghwala, (ucciso dalle Forze di sicurezza indiane il 30 luglio 1992)[4], Navroop Singh (ucciso in India il 4 agosto 1992)[5] Kuldip Singh Keepa Shekhupura e Navneet Singh Khadian (ucciso il 25 febbraio 1994).[2] Dopo Navneet Singh Kadian KLF singhs il comando è passato al Dr. Pritam Singh Sekhon[6] La sua morte è un mistero ancora oggi. Ora Harminder Singh (Nihang) è a capo di questa organizzazione.

Il KLF fu responsabile di molti attentati a bersagli civili in India durante gli anni 1980 e 1990, a volte in collaborazione con i separatisti del Kashmir.[7][8][9]

KLF fu tra i gruppi Sikh che rivendicarono la responsabilità per il sequestro nel 1991 dell'uomo d'affari romeno Liviu Radu a New Delhi. Questa sembra essere una rappresaglia per l'arresto dei rumeni sospettati di essere membri del KLF nel tentato assassinio di Julio Ribeiro, 62 anni, l'ambasciatore indiano in Romania a Bucarest.[10]

KLA[modifica | modifica wikitesto]

KLA (Khalistan Liberation Army, "Esercito di liberazione del Khalistan")[11] è una sigla associata dai mezzi di informazione al KLF, anche se non è chiaro quale delle due formazioni sia una diramazione dell'altra[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cynthia Keppley Mahmood, 1996.
  2. ^ a b c (EN) Terrorist Organizations, su World Statesmen.
  3. ^ (EN) The bloody history of Punjab's new district, su One India, 14 giugno 2006.
  4. ^ Death report exaggerated, in The Independent, Londra, 29 agosto 1992. URL consultato il 7 maggio 2010.
  5. ^ (EN) Sikh rebels blamed for massacre, in The Independent, Lndra, 4 agosto 1992. URL consultato il 7 maggio 2010.
  6. ^ The Tribune, Chandigarh, India - Ludhiana Stories
  7. ^ "Bus explosion in India kills at least 14", CNN, 22 May 1996
  8. ^ "Fatal bomb meant to disrupt Kashmiri elections", CNN, 21 Apr 1996
  9. ^ (EN) Office of the Coordinator for Counterterrorism, 1995 Patterns of Global Terrorism, su Federation of American Scientists, aprile 1996. URL consultato il 30 maggio 2009.
  10. ^ World Notes India, in Time, 21 ottobre 1991. URL consultato il 22 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2012).
  11. ^ Filmato audio Comunicato video del KLA, su YouTube.
  12. ^ (EN) KLA, su Tracking Terrorism.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'India