Fontana dell'Esedra (Napoli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 40°49′37.87″N 14°11′15.08″E / 40.827187°N 14.187521°E40.827187; 14.187521

La fontana dell'Esedra
Le decorazioni in ceramica
Particolare delle decorazioni

La fontana dell'Esedra è la più grande fontana di Napoli, situata nella Mostra d'Oltremare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fontana fu progettata nel 1938 da due architetti, Carlo Cocchia e Luigi Piccinato, e inaugurata nel 1940. Fu voluta dal regime fascista, in quanto doveva celebrare il colonialismo italiano. L'inaugurazione fu spettacolare: venne eseguita la sinfonia "Fontane d'Oltremare" (composta dal Maestro Guido Pannain) e i getti d'acqua erano sincronizzati con la musica.

Il 23 maggio 2006, dopo circa trent'anni di pressoché totale abbandono e due anni e mezzo di lavori costati circa sei milioni di Euro, la fontana è stata restaurata e nuovamente inaugurata.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La struttura, ispirata ai settecenteschi modelli della fontana della Reggia di Caserta, con la sua estensione di 900 metri quadrati, è in grado di contenere una massa d'acqua di 4000 metri cubi ed emettere getti alti fino a 40 metri.[1] Intorno è circondata da ottocento alberi d'alto fusto, soprattutto da pini e lecci. Attualmente la fontana può contare su 76 vasche ad esedra, 1300 ugelli fatti di ottone e di bronzo, dodici fontane a cascata e altrettante elettropompe.[1] Grazie a circa 800 proiettori che emettono luci di vari colori e un impianto audio, la fontana è in grado di offrire spettacoli molto suggestivi.[1] La decorazione della fontana, eseguita in ceramica, è opera di Giuseppe Macedonio.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Mostra d'Oltremare - sito ufficiale, su mostradoltremare.it. URL consultato il 2 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]