Fascite eosinofila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Fascite eosinofila
Malattia rara
Cod. esenz. SSN RM0040
Specialità reumatologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 728.89
ICD-10 M35.4
OMIM 226350
MedlinePlus 000447
eMedicine 329515
Sinonimi
Sindrome di Shulman
Eponimi
Lawrence E. Shulman

Per Fascite eosinofila in campo medico, si intende una forma rara di infiammazione di origine sconosciuta che riguarda gli arti.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Colpisce prevalentemente i maschi in età adulta, più raramente in età infantile.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Fra i sintomi e i segni clinici ritroviamo dolore, forme di mialgia e artropatia, le dita vengono risparmiate da qualunque sintomo. A volte si nota la sindrome del tunnel carpale.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Anche se la causa rimane ignota si mostra sovente dopo continui esercizi fisici.

Esami[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ad un'accurata anamnesi, utili ai fini diagnostici sono l'esame bioptico e la risonanza magnetica.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Si somministra prednisone (40-60 mg) dose iniziale che con il tempo viene diminuita.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Research Laboratories Merck, The Merck Manual quinta edizione, Milano, Springer-Verlag, 2008, ISBN 978-88-470-0707-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina