Evfrosinija Antonovna Kersnovskaja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Evfrosinija Antonovna Kersnovskaja in russo: Евфросиния Антоновна Керсновская? (Odessa, 8 gennaio 1908Essentuki, 8 marzo 1994) è stata una scrittrice russa, un'aristocratica di Odessa, visse per 10 anni a Norillag dove svolse prima i lavori forzati in miniera e poi divenne un'addetta all'infermeria del gulag e scrisse le memorie di questa sua terribile esperienza in 12 quaderni, accompagnati da 680 disegni. Vennero tutti pubblicati successivamente. In realtà solo nell'ultimo decennio si è data la possibilità di pubblicare libri contro il regime, prima erano tassativamente banditi e dai racconti che leggerete in "quanto vale un uomo" ve ne potete rendere conto direttamente da chi ha vissuto in prima persona la collettivizzazione Russa. [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italian Samizdat: Yevfrosinia Antonovna Kernovskaja