Esquadrão de Demonstração Aérea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esquadrão de Demonstração Aérea
Esquadrilha da Fumaça
Logo Esquadrilha da Fumaça.png
Lo stemma dell'Esquadrilha
Descrizione generale
Attiva14 maggio 1952 - oggi
NazioneBrasile Brasile
Forza armataForça Aérea Brasileira
SedePirassununga
Sito internethttp://www.eda.aer.mil.br
Flotta
VelivoliEmbraer T-27 Tucano
voci di pattuglie acrobatiche presenti su Wikipedia
Un EMB-312 dello squadrone
L'Esquadrilha da Fumaça a Brasilia durante le celebrazioni della Festa d'Indipendenza

L'Esquadrão de Demonstração Aérea (Italiano: Squadrone di Dimostrazione Aerea), conosciuto popolarmente come Esquadrilha da Fumaça (Italiano: Squadriglia del Fumo) è il team acrobatico dell'Aviazione brasiliana e il loro aereo acrobatico è l'Embraer T-27 Tucano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima dimostrazione dell'Esquadrilha da Fumaça ebbe luogo il 14 maggio 1952 con 4 velivoli T-6 Harvard che rimasero gli aerei del team fino alla loro radiazione il 31 gennaio 1976.

Nel periodo tra il 1969 e il 1973 vennero anche utilizzati 7 velivoli Fouga T-24 Magister.

La pattuglia acrobatica venne temporaneamente sciolta dopo la radiazione dei T-6 Harvard per essere ricostituita il 21 ottobre 1982 con l'attuale denominazione. Ebbe in dotazione gli Embraer T-27 Tucano e la prima esibizione si svolse l'8 dicembre 1983 con i velivoli colorati di bianco e rosso.

Successivamente i colori della pattuglia acrobatica divennero quelli della bandiera brasiliana.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 l'Esquadrilha da Fumaça ha ricevuto il premio "Flight safety" da parte dell'USAF per l'elevato grado di sicurezza dimostrato nell'attività acrobatica.[1]

Primati[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 l'Esquadrilha da Fumaça è stata registrata nel Guinness dei primati per aver compiuto un volo rovesciato di 3.000 metri, della durata di 30 secondi con una formazione composta da 10 aerei.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c "Volare" Mensile di aviazione - n°308 anno XXVII - agosto 2009 - pagg. 16-21.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]