Esplosivistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'esplosivistica è la scienza che studia tutte le materie esplodenti, sia deflagranti che detonanti, i loro effetti e le loro applicazioni. Gli esperti di esplosivistica sono coloro che conoscono l'applicazione degli esplosivi nei campi dell'Ingegneria civile e dell'Ingegneria mineraria, in particolare in materia di demolizioni controllate, sbancamenti[1], scavo di gallerie e coltivazione di cave e miniere.

Uso del termine[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante esistano numerose citazioni bibliografiche, il termine esplosivistica è ancora considerato un neologismo.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Il settore dell'esplosivistica in senso stretto non è trattato da alcun ateneo, se non come materia complementare nelle facoltà di ingegneria mineraria, ora definita più precisamente come ingegneria dell'ambiente e del territorio. Inoltre è materia prevista nei diplomi del perito minerario, ora chiamato perito geotecnico.

A livello privato, la materia dell'esplosivistica è trattata dall'istituto ricerche esplosivistiche di Parma.

Campi di applicazione[modifica | modifica wikitesto]

L'applicazione dell'esplosivistica comprende tutti gli usi positivi dell'esplosivo in diversi campi:

  • campo civile: principalmente si parla di coltivazione di cave e di miniere, scavi di gallerie, demolizioni di strutture pericolanti o abusive (ecomostri),
  • campo della sicurezza: l'attivazione di airbag, la funzionalità dei pretensionatori delle cinture di sicurezza (efficacia dovuta a microcariche esplosive), l'apertura istantanea di portelloni di emergenza e il conseguente attivazione di scivoli gonfiabili per lo sgombero veloce (sempre presenti sugli aerei di linea, la messa in azione di estintori per i motori, ecc.
  • navigazione: gli esplosivi costituiscono la base per i razzi di emergenza e i lanciasagole che possono lanciare a grande distanza il salvagente per un uomo caduto in acqua,
  • campo ambientale: si possono distaccare masse rocciose pericolanti, provocare le valanghe in modo controllato, consolidare terreni franosi, asciugare paludi, prevenire la grandine, spegnere pozzi di petrolio in eruzione o combattere gli incendi boschivi,
  • campo industriale: con particolari tecniche, dispositivi esplodenti possono sagomare i metalli per creare parti meccaniche super resistenti, saldare metalli diversi, fabbricare diamanti artificiali per l’industria abrasiva e dell’utensileria da taglio.
  • campo veterinario: piccole cariche esplosive lanciano siringhe e quando a contatto spingono il pistone dello stantuffo per addormentare a distanza animali feroci o imbizzarriti,
  • campo della ricerca scientifica: le esplosioni sono essenziali nello studio geofisico della Terra e nella ricerca di risorse idriche o minerarie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Asportazione di un banco, cioè di una massa di terreno o di roccia, per lo più allo scopo di effettuare lavori stradali o altre costruzioni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Danilo Coppe, Manuale pratico di esplosivistica civile, PEI.