Ersilia (nome)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ersilia è un nome proprio di persona italiano femminile[1][2][3][4][5].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Varianti in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Origine e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Ersilia raffigurata in un dipinto del Guercino

Deriva dal gentilizio latino Hersilia, dall'etimologia oscura[1][2][3]; probabilmente risale a qualche radice etrusca[1][3][4] o sabina ormai indecifrabili[1]. Molte fonti, alternativamente, lo ricollegano al greco antico ἕρση (herse, "rugiada")[1][7][5], una connessione che Tagliavini reputa, però, infondata[4].

Maggiormente diffuso al femminile[1], si tratta probabilmente di uno di quei nomi di matrice classica entrati nell'onomastica italiana durante il Rinascimento[4]: venne infatti portato da Ersilia che, secondo la leggenda, fu l'unica donna sposata a venire rapita durante il famoso ratto delle sabine, e che sarebbe poi divenuta la moglie di Romolo[1][2][3][4][7][5].

Onomastico[modifica | modifica wikitesto]

Il nome è adespota, ovvero non è portato da alcuna santa. L'onomastico può quindi essere festeggiato il 1º novembre per la festa di Ognissanti[4].

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Variante maschile Ersilio[modifica | modifica wikitesto]

Il nome nelle arti[modifica | modifica wikitesto]

Toponimi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h La Stella T., p. 136.
  2. ^ a b c d e (EN) Hersilia, su Behind the Name. URL consultato il 15 luglio 2015.
  3. ^ a b c d e f g Galgani, p. 254.
  4. ^ a b c d e f g h Tagliavini, pp. 409-410.
  5. ^ a b c Burgio, p. 153.
  6. ^ a b La Stella T., p. 43.
  7. ^ a b c d Albaigès i Olivart, p. 137.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi