Emosiderina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'emosiderina è un composto di deposito del ferro (250 mg di ferro nell'intero organismo, presente nei macrofagi del fegato e del midollo osseo) che si genera quando il metallo, presente in largo eccesso, supera le normali capacità di legame della ferritina, che risulta posta internamente nel granulo. Il ferro intrappolato (circa il 33%) nella emosiderina è più difficile da metabolizzare rispetto a quello contenuto nella ferritina; questo è dovuto al fatto che l'emosiderina è una entità non sempre facilmente definibile (e quindi difficilmente aggredibile dagli enzimi proteolitici), costituita dal prodotto della condensazione di molecole di ferritina, proteine, lipidi, acido sialico, e porfirine. Nei tessuti, si presenta come un pigmento giallo o rossastro, amorfo o leggermente granulare. La colorazione istologica con blu di prussia è spesso utilizzata per evidenziare i depositi rossastri nelle anemie sideropeniche.

Fisiologia e medicina di laboratorio[modifica | modifica wikitesto]

Il significato fisiologico dell'emosiderina è particolarmente evidente nel fegato e negli enterociti, dove accumula ioni ferro al fine di evitare l'eccesso di concentrazione cellulare ed ematica. Si riscontra, particolarmente concentrata, nei siti emorragici di vecchia data e in alcune malattie (soprattutto in quelle croniche). In particolare, assume importanza per la diagnosi di

Nelle anemie sideropeniche, la diminuita concentrazione ematica di emoferritina è un importante marker precoce, potendo anticipare la comparsa dei sintomi anche di alcuni mesi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]