Emissioni Diesel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattore stradale del ventesimo secolo che emetteva gas di scarico fuligginosi alla partenza

L'espressione emissioni Diesel indica le emissioni che sono prodotte dai motori Diesel.

Nei motori Diesel a differenza dei motori a scoppio, inizialmente la potenza veniva direttamente controllata dall'alimentazione del carburante, anziché controllata dall'alimentazione dell'aria, successivamente con l'inasprimento delle normative sull'inquinamento venne regolata anche la portata d'aria per rientrare nei limiti.

Effetti sulla salute[modifica | modifica wikitesto]

In relazione alla loro pericolosità per la salute, l'OMS inizialmente sospettava un loro effetto cancerogeno, mentre dal 2012 confermò tale sospetto e dichiara accertata la correlazione tra tali gas ed il cancro grazie al lavoro del "Centro internazionale di Ricerca sul Cancro"[1], le emissioni Diesel sono passate così dal Gruppo 2 (nel 1988 sono stati classificati come potenziali cancerogeni[2]), ossia delle sostanze probabilmente cancerogene per l'uomo, ad essere riclassificate nel Gruppo 1, ossia "cancerogeni accertati per l'uomo" analogamente al benzopirene, prodotto da stufe e camini[3][1][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]