Elisir del prete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elisir del prete
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePiemonte
Zona di produzionePinerolo
Dettagli
Categoriabevanda
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreBevande analcoliche, distillati e liquori

L'Elisir del prete è un liquore composto da un infuso a base di erbe, radici e alcool.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si hanno notizie sin dall'Ottocento, quando veniva descritto per le sue virtù digestive. Veniva considerato alla stregua di un medicinale per i benefici effetti che procurava.[1][2]

Caratteristiche del prodotto[modifica | modifica wikitesto]

È un infuso concentrato di vari vegetali, lasciati macerare in una miscela di alcool e acqua. Filtrato più volte viene distillato fino ad ottenere una gradazione di circa 50°. È consumato come correttivo del caffè, oppure diluito in acqua calda e dolcificato con zucchero. Più recentemente si hanno testimonianze di una domanda il 17 ottobre 1927 a cura dell'"Ing. F. Simoni, Brevetti d'invenzione" di Torino verso il Ministero dell'Economia nazionale di Roma, per tutelare un elisir il cui marchio venne originariamente depositato il 10 febbraio 1891.[3] Dopo vari brevetti, attualmente l'Elisir del Prete, è di proprietà della Albergian di Pragelato che ne ha rinnovato il brevetto nel 1993.[1]

Materiali e attrezzature[modifica | modifica wikitesto]

Le varie fasi di produzione vengono effettuate in contenitori di norma in acciaio inox, successivamente la commercializzazione del prodotto finale avviene in bottiglie di vetro da 70 cl.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c ELISIR DEL PRETE, su saporidelpiemonte.net. URL consultato l'8 novembre 2019.
  2. ^ Amari E, su Saperebere. URL consultato l'8 novembre 2019.
  3. ^ Damiano Gasparetto, la tavola del piemontese di ieri e di oggi. URL consultato l'8 novembre 2019.
  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina