Eirene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Template-info.svg
Eirene e il piccolo Pluto: copia romana da Cefisodoto il vecchio, statua votiva, ca. 370 a.C., dall'agorà di Atene

Eirene o Irene (dal termine greco Ειρήνη) era nella mitologia greca la dea della pace, di cui costituisce la personificazione. Figlia di Zeus e di Temi era una delle Ore. Il corrispondente nella mitologia romana era Pax.

« Poi Zeus sposò la lucente Themis, che diede alla luce Horai (Ora) ed Eunomia (Ordine), Dike (Giustizia) e la fiorente Eirene (Pace), colei che dà significato ai travagli degli uomini mortali. »
(Esiodo, Teogonia, 901)

La dea era raffigurata da una giovane donna recante, in una mano, un ramoscello d'olivo con la cornucopia e nell'altra Pluto, simboli di quella ricchezza e dell'abbondanza che solo la pace può donare.

Alla dea furono eretti altari e statue ad Atene e a Roma. In quest'ultima città Vespasiano e Domiziano fecero erigere un tempio con portici e giardini (Tempio della Pace, più tardi considerato uno dei Fori Imperiali). La dea venne rappresentata anche sulle monete.

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

La divinità dà il titolo a una famosa commedia di Aristofane, Εἰρήνη, di cui è protagonista.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca