Edoardo Torre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edoardo Torre

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVI, XXVII
Incarichi parlamentari
  • Membro della Giunta generale del Bilancio dal 9 maggio 1924 al 21 gennaio 1929
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista
Titolo di studio Laurea in medicina e chirurgia
Professione Medico chirurgo

Edoardo Mario Giovanni Torre (San Salvatore Monferrato, 26 giugno 1882Roma, 12 marzo 1962) è stato un politico italiano, cognato del Generale e crittanalista Luigi Sacco.

Si laureò in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Bologna nel 1906 con una tesi su "La cisti da echinococco del polmone con speciale riguardo alla loro cura chirurgica".

Nell'agosto 1920 fu tra i fondatori del Fascio di combattimento di Alessandria, nel maggio 1921 fu eletto deputato nella lista del Blocco di difesa nazionale.

Dopo l'avvento del Fascismo, nel dicembre 1922 Benito Mussolini lo nomina Commissario Straordinario delle Ferrovie dello Stato. Nello stesso anno, in seguito ad un'ondata di scioperi e al rifiuto del sindacato dei ferrovieri di sciogliersi nei sindacati fascisti, diede corpo ad una dura repressione: 43.000 ferrovieri che avevano partecipato alla protesta furono licenziati con l'accusa di "scarso rendimento", secondo quanto previsto dal Decreto firmato proprio dal commissario Torre.

Il 5 febbraio 1925, venne espulso dal PNF, insieme a Bruno Gemelli, Gian Battista Retora e Battista Boido, poiché esponenti dell'ala intransigente del Partito - nel quale montava la preoccupazione per il rafforzarsi del gruppo degli ex nazionalisti all'interno della compagnine governativa, capitanati da Luigi Federzoni.

Si sposò due volte: nel 1927, con la francese Louisette Desjardin, e nel 1953, con Marcella Ferrari.

Morì a Roma all'età di 79 anni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere dell'Ordine di Malta