Distanza interpupillare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La distanza interpupillare è la distanza che intercorre tra il centro della pupilla dell'occhio destro a quella dell'occhio sinistro.

Nell'essere umano tale distanza è mediamente di 65 mm.

Si hanno distanze maggiori o minori a tale valore a seconda della conformazione del cranio dei soggetti. Nei soggetti con dolicocefalia indotta (come negli antichi egizi ed aztechi) o congenita si hanno crani "schiacciati", ovverosia lunghi e stretti, con distanze interpupillari inferiori alla media.

Nei soggetti con mesocefalia (la stragrande maggioranza dei popoli indoeuropei), invece, si hanno distanze interpupillari superiori o inferiori di qualche millimetro rispetto al valore medio. Diversa è la brachicefalia i cui soggetti hanno distanze interpupillari superiori alla media. In questi casi di parla di ipertelorismo interpupillare.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]