Disputa sull'origine del genere giallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Storia del giallo.

Firma di Edgar Allan Poe
Firma di Alexandre Dumas (padre)

La disputa sull'origine del genere giallo nasce con la ripubblicazione nel 2012 del racconto di Alexandre Dumas, L'assassinio di rue Saint-Roch, che era uscito a puntate su L'indipendente tra il 1860 e il 1861.

Termini della disputa[modifica | modifica wikitesto]

Se si confronta I delitti della Rue Morgue di Edgar Allan Poe con L'assassinio di rue Saint-Roch di Dumas, il plagio da parte di uno dei due è evidente, ma identificare la paternità del soggetto è complesso. Fino al 2012, infatti, il racconto di Edgar Allan Poe era ritenuto indiscutibilmente all'origine del racconto giallo, ma la riscoperta del racconto di Dumas ha aperto una disputa.

Datazione[modifica | modifica wikitesto]

Il racconto di Poe fu pubblicato nel 1841 e la sua traduzione ufficiale in francese, a opera di Isabelle Meunier, uscì nel 1847 in seguito alla pubblicazione di alcune traduzioni anonime. Edgar Poe acquisì una certa notorietà in Francia solo nel 1856 con la pubblicazione di una raccolta dei suoi racconti a cura di Baudelaire. Il racconto di Dumas fu invece pubblicato a puntate su L'indipendente tra il 1860 e il 1861, quando Poe era già morto da 11 anni. Osservando la datazione delle due opere, quindi, sembra che sia stato Poe ad essere plagiato dallo scrittore francese, ma la questione è più complessa.

Incontro di Alexandre Dumas ed Edgar Allan Poe[modifica | modifica wikitesto]

Edgar Allan Poe

Il primo punto di discussione è se Alexandre Dumas ed Edgar Allan Poe si siano mai incontrati e come un loro incontro avrebbe potuto influenzare la scrittura dei due racconti. Ne L'assassinio di Rue Saint-Roch Dumas sembra alludere ad un incontro con lo scrittore americano nel 1832. Tuttavia i biografi di Poe hanno sempre negato la possibilità di una permanenza dello scrittore a Parigi o in generale fuori dagli Stati Uniti, se non per un viaggio di istruzione in Inghilterra e Scozia da bambino. Ma, mentre i movimenti di Alexandre Dumas nel 1832 sono ben noti e documentati[1], non si ha nessuna lettera di Poe tra il 29 Dicembre 1831 e il 12 Aprile 1833 e l'unica testimonianza riguardo allo scrittore in questo periodo è una lettera del 16 dicembre 1833 del padre adottivo di Poe, Thomas Ellis, in cui scrive ad un suo ex socio che non ha molte notizie di Edgar Poe e che le rare lettere arrivategli sono inviate da Pietroburgo. Sembra quindi difficile credere che Poe non abbia mai lasciato gli Stati Uniti. Lui stesso ammise di essere stato in Russia e alcuni dei suoi racconti ambientati a Parigi contengono riferimenti accurati di strade che erano realmente presenti nella capitale francese. Risulta inoltre improbabile che Dumas abbia scelto l'unico periodo privo di testimonianze epistolari per inventare un incontro con Poe, come sostiene lo studioso americano John Ward Ostrom.

Un altro elemento a favore dell'incontro dei due scrittori è la loro appartenenza alla stessa setta massonica e rivoluzionaria americana, la Society of Cincinnati, dedita alla liberazione delle colonie americane dall'Inghilterra e in seguito della Francia da Napoleone.[2] Questo potrebbe giustificare la presenza di Edgar Allan Poe in Europa, in veste di "soldato rivoluzionario", che non doveva lasciare tracce.

Elementi in comune[modifica | modifica wikitesto]

Questo caso di plagio è stato definito "sfrontato" in quanto Dumas, apparentemente il colpevole, cita ripetutamente il racconto di Poe rendendo difficile credere che nessuno si fosse accorto della cosa, visto che L'Indipendente di Napoli era distribuito anche a Torino e Milano, allora territori francesi. Dall'altro lato anche Poe chiama Dumas il medico legale del suo racconto e parla di Vidocq, ancora poco conosciuto in America nonostante la sua fama in Francia.

Alexandre Dumas (padre)

I due racconti, infatti, hanno elementi in comune non trascurabili oltre, ovviamente, alla trama stessa che non varia:

  • Auguste Dupin: il protagonista del romanzo di Edgar Allan Poe, Auguste Dupin, un individuo brillante e dalle rimarchevoli capacità analitiche, oltre ad essere ripreso, chiamato diversamente nel racconto di Dumas, viene anche citato dallo scrittore francese che dà il suo nome al medico legale del suo scritto;
  • Dumas e Poe: i due scrittori coinvolti in questo caso di plagio si citano a vicenda nei loro racconti e sembra che entrambi possano essere identificati nell'io narrante di propri racconti. Infatti il protagonista del racconto di Alexandre Dumas è chiamato Edgar Poe, mentre dall'altro lato il medico legale del racconto dello scrittore americano è chiamato Dumas;
  • Ambientazione: i racconti di Poe e Dumas sono ambientati rispettivamente in rue Morgue e rue Saint-Roch. A Parigi la rue Morgue non è mai esistita, ma esisteva fin dal 1718 la zona dell'obitorio dove venivano esposti i corpi degli ignoti e dei barboni, questa era chiamata, appunto, la zona della Morgue. Questa via viene descritta da Poe come "una di quelle stradine che attraversano rue Richelieu e rue Saint-Roch" ed egli cita Saint-Roch anche più avanti nel racconto, per indicare un quartiere. Dumas ambienterà proprio in rue Saint-Roch l'assassinio del suo racconto senza però citare la rue Morgue.

Conclusione[modifica | modifica wikitesto]

In conclusione, la paternità del soggetto sembra appartenere ad Edgar Allan Poe, ma la questione rimane aperta e questo caso di plagio apre altri interrogativi riguardo alla vita dei due scrittori e i loro rapporti. Sembra strano che nessuno ai tempi di Dumas si sia accorto della somiglianza tra i due scritti e le molteplici citazioni fanno pensare che Dumas non volesse affatto nascondere il plagio. Questa disputa rimane di rilievo, data la celebrità dei due autori coinvolti e la natura del soggetto, il primo racconto giallo mai scritto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fu inserito nei più importanti salotti parigini. A Febbraio la rappresentazione della sua opera teatrale Teresa gli conferisce ancora più notorietà ed egli conosce la sua futura moglie Ida Ferrier. A Giugno partecipa ad una sommossa a Parigi e fugge per poi tornare nella capitale francese ad Ottobre.
  2. ^ Ne fece parte anche James Fenimore Cooper, con il quale Poe era solito scambiarsi lettere, specialmente nel 1836 per chiedergli aiuto con il suo giornale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]