Discussione:Arcidiocesi di Atene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cronotassi vescovi greci[modifica wikitesto]

Avevo intenzione di aggiornare qs cronotassi, in base alle due fonti da me aggiunte (tra cui il sito ufficiale dell'odierna arcidiocesi greca di Atene, dove ci sono molti più vescovi rispetto all'attuale cronotassi). Mi domando però se la cosa è utile e opportuna, visto che ci troviamo all'interno di una voce relativa alla diocesi di rito latino; forse sarebbe da togliere anche la crono esistente (che è cmq incompleta). --Croberto68 (msg) 09:05, 22 mag 2012 (CEST)

Se non si eliminano qui i vescovi greci, bisogna allora uniformare e aggiungerli anche in altre voci, come arcidiocesi di Smirne --Jerus82 (msg) 08:21, 17 ott 2015 (CEST)

Spostamento ad Arcidiocesi di Atene[modifica wikitesto]

Visto che arcidiocesi di Atene è un redirect che punta qui e che non esistono altre voci con nomi simili, propongo di rispostare la voce ad arcidiocesi di Atene.--82.112.192.187 (msg) 18:49, 4 ott 2016 (CEST)

Collegamenti esterni modificati[modifica wikitesto]

Gentili utenti,

ho appena modificato 1 collegamento/i esterno/i sulla pagina Arcidiocesi di Atene. Per cortesia controllate la mia modifica. Se avete qualche domanda o se fosse necessario far sì che il bot ignori i link o l'intera pagina, date un'occhiata a queste FAQ. Ho effettuato le seguenti modifiche:

Fate riferimento alle FAQ per informazioni su come correggere gli errori del bot

Saluti.—InternetArchiveBot (Segnala un errore) 13:47, 7 feb 2018 (CET)

Arcidiocesi metropolitana?[modifica wikitesto]

A seguito di questa discussione, ho iniziato a cercare, invano, informazioni riguardo ad eventuali privilegi legati alla consegna del pallio all'attuale arcivescovo Sevastianos Rossolatos. Durante la ricerca, però, ho scoperto che l'arcidiocesi di Atene è stata sede metropolitana, fatto non menzionato nella voce. Sugli Acta Sanctae Sedis, infatti, ho trovato l'atto di nomina del primo arcivescovo, mons. Giovanni Marangò, cui viene affidata l'Ecclesiam Metropolitanam Atheniensem (ASS 8, p. 629); la stessa cosa accade per il successore Giuseppe Zaffino (ASS 25, p. 26). Logicamente viene loro consegnato il pallio (cfr. ASS 8, p. 629 e ASS 25 p. 28).
Al momento della nomina degli arcivescovi Gaetano de Angelis ([1]) ed Antonio Delenda ([2]) la sede è ancora metropolitana.
A partire dalla nomina di mons. Louis Petit viene omessa la dicitura "metropolitana" (AAS 4, p. 699), ma non ho trovato né data né documento con cui l'arcidiocesi diventa immediatamente soggetta alla Santa Sede. A mons. Petit viene consegnato ugualmente il pallio (AAS 4, p. 703), così come a tutti i successori:

--Almàr23 (msg) 22:10, 22 mag 2020 (CEST)

Interessante perché il breve Apostolatus officio e nemmeno il breve Quae catholico menzionano Atene quale sede metropolitana. È vero che con il primo breve non si erige nessuna sede, ma solo si impone la residenza, cioè si trasforma la sede da titolare a residenziale, quindi potrebbe dedursi che era immutata la natura metropolitica già esistente.
Secondo il Calendario Atlante de Agostini dal 1952 la sede è sempre stata immediatamente soggetta. --AVEMVNDI 10:10, 24 mag 2020 (CEST)