Diocesi di Filippopoli di Arabia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filippopoli di Arabia
Sede vescovile titolare
Dioecesis Philippopolitana in Arabia
Patriarcato di Antiochia
Sede titolare di Filippopoli di Arabia
Mappa della diocesi civile d'Oriente (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita XVI secolo
Stato Siria
Diocesi soppressa di Filippopoli di Arabia
Suffraganea di Bosra
Eretta ?
Soppressa ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche
Il Philippeion di Shahba

La diocesi di Filippopoli di Arabia (in latino: Dioecesis Philippopolitana in Arabia) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Filippopoli di Arabia, corrispondente alla città di Shahba nell'odierna Siria, è un'antica sede episcopale della provincia romana d'Arabia nella diocesi civile d'Oriente. Faceva parte del patriarcato di Antiochia ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Bosra.

Uno dei suoi vescovi, Ormisda, fu tra i prelati intervenuti al Concilio di Calcedonia del 451[1]. Un'iscrizione, ci ha tramandato un altro nome di vescovo, Basilio, nel 553[2]. Filippopoli, inoltre, figura come sede episcopale in una Notitia Episcopatuum del VI secolo[3].

Quanto alla storia della città, si sa che essa venne fondata dall'imperatore Filippo l'Arabo (244-249) che gli diede pertanto il proprio nome[4], anche se successivamente essa venne distrutta. Dai reperti rimasti, che consistono in un colonnato di un colossale tempio e dai siti archeologici di Shahba nel governatorato di al-Suwayda, sappiamo però che tale città doveva essere molto ricca e pertanto essere una sede episcopale di altrettanto rilievo.

Oggi Filippopoli di Arabia sopravvive come sede vescovile titolare; la sede è vacante dal 10 agosto 1963.

Cronotassi dei vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Ormisda † (menzionato nel 451)
  • Basilio † (menzionato nel 553)

Cronotassi dei vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Legati, O.F.M. † (20 marzo 1439 - ?)
  • Giovanni, O.F.M. † (28 luglio 1441 - ?)
  • Giovanni Pesce † (3 febbraio 1447 - ?)
  • Giovanni † (2 maggio 1524 - ?)
  • Giorgio Maychen † (10 aprile 1549 - ?)
  • Henri de Villars † (30 agosto 1655 - 25 maggio 1662 succeduto arcivescovo di Vienne)
  • Troiano Acquaviva d'Aragona † (18 aprile 1729 - 14 agosto 1730 nominato arcivescovo titolare di Larissa)
  • Giovanni Battista Giampè † (19 dicembre 1740 - 10 maggio 1764 deceduto)
  • Giovanni Topić, O.F.M. † (10 luglio 1859 - 11 giugno 1868 deceduto)
  • Félix-Clair Ridel, M.E.P. † (27 aprile 1869 - 20 giugno 1884 deceduto)
  • José Tomás Mazarrasa y Rivas † (27 marzo 1885 - 11 marzo 1907 deceduto)
  • George Gauthier † (28 giugno 1912 - 5 aprile 1923 nominato arcivescovo coadiutore di Montréal)
  • Ignacy Maria Dubowski † (1º giugno 1925 - 10 marzo 1953 deceduto)
  • Antonio Ravagli † (4 luglio 1955 - 30 agosto 1960 succeduto vescovo di Modigliana)
  • Giovanni Colombo † (25 ottobre 1960 - 10 agosto 1963 nominato arcivescovo di Milano)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Quien, Oriens christianus, II, 861
  2. ^ Echos d'Orient, XII, 1909, 103
  3. ^ Echos d'Orient X, 1907, pp. 95 e 145.
  4. ^ Aurelius Victor, De Caesar, 28

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi