Desktop remoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In informatica il termine desktop remoto indica la capacità di un certo sistema di elaborazione di aprire una sessione utente di tipo grafico o comunque interattivo su un computer remoto, collegato in Rete, utilizzando le risorse di input/output del computer locale.

La sessione remota è assolutamente indistinguibile da una sessione locale: l'utente ha il pieno controllo dell'interfaccia grafica e dell'ambiente operativo (relativamente ai suoi privilegi di utente come definiti sulla macchina remota) e gli strumenti di input/output locali (schermo, tastiera, dispositivi di puntamento) funzionano come se fossero collegati direttamente al computer remoto.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La gestione di una sessione di desktop remoto richiede una serie di risorse a disposizione:

  • un collegamento in rete di banda sufficientemente elevata per consentire la fluidità delle operazioni e delle interazioni con l'interfaccia utente;
  • un protocollo di comunicazione tra computer che consenta il trasferimento anche delle informazioni relative alle operazioni sull'interfaccia utente (come per esempio RDP);
  • la disponibilità di programma di controllo apposito su entrambi i computer (secondo il principio del Virtual Network Computing).

La connessione tramite desktop remoto, una volta che il protocollo di comunicazione tra computer e i programmi server e client sono compatibili, è possibile anche tra computer operanti su sistemi operativi differenti (per esempio, tra una macchina Unix o Unix-like (Linux) e una macchina con sistema operativo Windows). In questo caso, l'operatore utilizzerà l'ambiente del computer remoto nell'ambito delle operazioni eseguite tramite desktop remoto e il proprio sistema operativo per tutte le altre operazioni locali.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Telematica Portale Telematica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di reti, telecomunicazioni e protocolli di rete