Demofilo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando omonimi, vedi Demofilo (disambigua).

Demofilo, figlio di Diadrome[1] (in greco antico: Δημόφιλος, Demòphilos; Tespie, ... – Termopili, 480 a.C.), è stato un militare greco antico, noto per aver guidato 700 Tespiesi nella battaglia delle Termopili.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia delle Termopili.

Diadrome fu a capo dell'esercito della sua città che partecipò alla seconda guerra persiana e partecipò con esso alla battaglia delle Termopili del 480 a.C.

Dopo cinque giorni di battaglia, il grosso delle truppe greche si ritirò per organizzare una nuova resistenza più a sud; a rallentare l'avanzata dei Persiani di Serse rimasero fino all'estremo sacrificio, insieme ai 300 spartani del re Leonida I, i 700 guerrieri di Demofilo.[1][2]

Dopo la battaglia delle Termopili, l'esercito persiano incendiò la città di Tespie e i cittadini della città fuggirono nel Peloponneso.[3]

Nel 1997 il comune di Sparta ha realizzato un monumento a Demofilo e ai 700 Tespiesi, vicino al monumento a Leonida e ai suoi uomini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Erodoto, Storie, VII, 222.
  2. ^ Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, X, 20, 2.
  3. ^ Erodoto, Storie, VIII, 50.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]