Deborah Eisenberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Deborah Eisenberg (Winnetka, 20 novembre 1945) è una scrittrice e attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Winnetka nel 1945, vive e lavora a New York[1].

È autrice di short-stories pubblicate a partire dal 1986 e particolarmente apprezzate dalla critica (Guggenheim Fellowship nel 1987[2] e Premio O. Henry nel 2006 e nel 2013).

Con i quattro volumi di racconti The Collected Stories of Deborah Eisenberg ha vinto nel 2011 il Premio PEN/Faulkner per la narrativa[3].

Vincitrice del Premio Rea per il racconto nel 2000[4] e del Premio PEN/Malamud nel 2015[5], insegna alla Columbia University[6].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Convive da più di trent'anni con l'attore Wallace Shawn[7].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Rivoglio i miei giorni (Transactions in a Foreign Currency, 1986), Milano, Serra e Riva, 1987 traduzione di Patrizia Bonomi
  • Under the 82nd Airborne (1992)
  • The Stories (So Far) of Deborah Eisenberg (1997)
  • All Around Atlantis (1998)
  • Il crepuscolo dei supereroi (Twilight of the Superheroes, 2006), Padova, ALET, 2008 traduzione di Federica Aceto ISBN 978-88-7520-051-0.
  • The Collected Stories of Deborah Eisenberg (2010)
  • Your Duck Is My Duck (2018)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Pastorale (1983)

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Daniel Swift, A writer's life: Deborah Eisenberg, su telegraph.co.uk, 30 luglio 2006. URL consultato il 16 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Deborah Eisenberg awarded 1987, su gf.org. URL consultato il 16 novembre 2017.
  3. ^ Il Pen Faulkner Award a Deborah Eisenberg, su finzionimagazine.it, 16 marzo 2011. URL consultato il 16 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Albo d'oro, su reaaward.org. URL consultato l'11 luglio 2020.
  5. ^ (EN) Ron Charles, Deborah Eisenberg wins PEN/Malamud Award, su washingtonpost.com, 19 maggio 2015. URL consultato il 12 luglio 2020.
  6. ^ (EN) Scheda dell'accademica, su arts.columbia.edu. URL consultato l'11 luglio 2020.
  7. ^ (EN) Dinitia Smith, Deborah Eisenberg Gets Attention With a Fifth Book of Stories, su nytimes.com, 28 febbraio 2006. URL consultato il 16 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79052043 · ISNI (EN0000 0000 8396 7129 · Europeana agent/base/93265 · LCCN (ENn85203662 · GND (DE121964876 · BNF (FRcb120545522 (data) · NLA (EN35235335 · WorldCat Identities (ENlccn-n85203662