De Fonseca (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
De Fonseca
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1972 a Torino
Fondata da
  • Livio Tamagno
  • Laura Camis De Fonseca
Sede principaleLeinì
GruppoGruppo Manifattura Italiana
SettoreTessile
ProdottiCalzature leggere
Sito webwww.defonseca.com

De Fonseca è un'azienda italiana leader nel mercato della pantofoleria e delle calzature leggere da esterno e da mare. I principali marchi della società sono De Fonseca, per gli articoli di pantofoleria e da mare, e Moppine, le pantofole superimbottite a forma di animali o personaggi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1972 a Leinì dai coniugi Livio Tamagno e Laura Camis De Fonseca,[1] l'azienda cresce fino ad essere prima rivelata nel 1988 dalla famiglia Gandolfi e poi nel 2009 dal fondo di private equity Star Capital. Nel 2010 un altro fondo di private equity, Consilium sgr, fondato nel 2006 dai due proprietari, Antonio Glorioso e Stefano Iamelli, acquisisce il controllo dell'azienda (il 50,6%) mentre Star Capital resta in minoranza con il 36% e il resto è distribuito tra la società Allianz Globus e l'amministratore delegato Fausto Ortolani.[2]

Consilium continua poi ad investire nel fashion con l'idea di creare un polo di eccellenza. Nel 2011 rileva il brand di abbigliamento tecnico sportivo Macron, nel 2012 di Tucano Urbano, azienda di abbigliamento e accessori per le moto, nel 2015 del marchio di sportswear Navigare.[3]

Nel 2018 rileva a Fucecchio, in Toscana, il gruppo River con il Calzaturificio Energy, primario produttore di sneaker e car-shoe; nel 2019 acquisisce il Calzaturificio Claudia. Nello stesso tempo dà vita ad una nuova società, Gruppo Manifattura Italiana, a cui fanno capo tutte le altre attività. Responsabile della nuova società, che ha stabilimenti in Toscana, Albania e Tunisia,[3] diventa Alberto Zunino.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ About us, in De Fonseca. URL consultato il 9 settembre 2020.
  2. ^ Buyout, Consilium acquisce la maggioranza di De Fonseca [collegamento interrotto], su Reuters.com, 22 dicembre 2010. URL consultato il 9 settembre 2020.
  3. ^ a b c Consilium compra anche il Calzaturificio Claudia, su pambianconews.com, 10 ottobre 2019. URL consultato il 13 settembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]