Daybreaker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daybreaker
Artista Architects
Tipo album Studio
Pubblicazione 28 maggio 2012
(vedi date di pubblicazione)
Durata 41:21
Dischi 1
Tracce 11
Genere Metalcore
Etichetta Century Media Records
Produttore John Mitchell, Ben Humphreys, Architects
Registrazione agosto 2011–febbraio 2012
Formati CD, download digitale
Architects - cronologia
Album precedente
(2011)
Album successivo
(2014)

Daybreaker è il quinto album studio della band inglese Architects, pubblicato il 28 maggio 2012 nel Regno Unito e nella maggior parte dell'Europa e il 5 giugno dello stesso anno negli Stati Uniti d'America.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Intervistato, il chitarrista Tom Searle ha affermato che, a differenza di quanto molti possano dire sul conto della band, il loro modo di far musica non è peggiorato, anzi, gli Architects hanno ritrovato l'entusiasmo di fare musica. I testi sono più politici e meno personali, incentrati sulla religione, i media, la società odierna e il rapporto con il denaro.

Daybreaker è inoltre l'ultimo album della band con Tim Hillier-Brook alla chitarra.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Bitter End – 2:55
  2. Alpha Omega – 3:55
  3. These Colours Don't Run (feat. Jon Green dei Deez Nuts) – 4:01
  4. Daybreak – 3:32
  5. Truth, Be Told – 4:31
  6. Even If You Win, You're Still a Rat (feat. Oliver Sykes dei Bring Me the Horizon) – 3:12
  7. Outsider Heart (feat. Drew York degli Stray from the Path) – 3:27
  8. Behind the Throne – 4:08
  9. Devil's Island – 4:06
  10. Feather of Lead – 2:50
  11. Unbeliever – 4:44
Tracce bonus nell'edizione britannica di iTunes
  1. Rise Against – 3:51
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Cracks in the Earth – 3:22
  2. Rise Against – 3:51
  3. Untitled (Dall'ep di Devil's Island) – 3:29

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

  • La seconda canzone dell'album, Alpha Omega è stata spiegata dal chitarrista Tom Searle: egli ha spiegato il passaggio "No ups, No Downs. I'll find peace buried in the ground" alla rivista Kerrang! sostenendo che tratta dell'ateismo. Searle aggiunge: "ma direi che sono più aperto nei confronti di idee riguardanti la spiritualità rispetto a prima. Non è la spiritualità che mi colpisce, tuttavia - è la religione. Per me, ciò significa accettare che non esistono il Paradiso e l'Inferno. Non c'è un 'aldilà' nel senso religioso tradizionale. Non vi è sicuramente niente di più pacifico del nulla assoluto" . Il titolo della canzone è composto dalla prima e rispettivamente l'ultima lettera dell'alfabeto greco. I due termini provengono dalla frase "Io sono l'Alfa e l'Omega", riferita a Dio nel libro della Rivelazione della Bibbia (versi 1:8, 21:6 e 22:13). Il titolo è stato usato per dimostrare che Lui è il Signore eterno e controlla il passato, il presente e il futuro. Le due parole, Alfa e Omega non compaiono nel testo della canzone, tuttavia Sam Carter canta della non esistenza del Paradiso e dell'inferno: "One life. One chance. The world in front of me"[1].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2012) Posizione
massima
Canada[2] 144
Belgio (Fiandre)[3] 182
Germania[4] 93
Regno Unito[5] 42
Stati Uniti (heatseekers)[6] 28

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Data Etichetta Formato Fonte
Europa 28 maggio 2012 Century Media CD [7]
Nord America 5 giugno 2012
Giappone 6 giugno 2012 Zestone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Alpha Omega by Architects Songfacts, su www.songfacts.com. URL consultato il 05 febbraio 2017.
  2. ^ Copia archiviata, jam.canoe.ca. URL consultato il 1º aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2011).
  3. ^ ultratop.be - Architects - Daybreaker, in Ultratop, Hung Medien. URL consultato il 12 agosto 2012.
  4. ^ (DE) Architects - Biografie, Steckbrief, Diskografie, Chartverfolgung, Tourdates, Tickets, Fotos, Galerie, Links, Noten und Songtexte, Media Control Charts. URL consultato il 12 agosto 2012.
  5. ^ Architects | Artist | Official Charts, Official Charts Company. URL consultato il 7 luglio 2012.
  6. ^ (EN) Daybreaker - Architects : Awards, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 15 luglio 2012.
  7. ^ ARCHITECTS: New Album Cover Artwork Unveiled - Feb. 28, 2012[collegamento interrotto], Blabbermouth, 28 febbraio 2012. URL consultato il 29 febbraio 2012.