Crasso saccheggia il tempio di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crasso saccheggia il tempio di Gerusalemme
Giambattista pittoni, crasso saccheggia il tempio di gerusalemme, 1743-1744 ca.jpg
AutoreGiambattista Pittoni
Data1743
Tecnicaolio su tela
Dimensioni54×72 cm
UbicazioneGallerie dell'Accademia, Venezia

Crasso saccheggia il tempio di Gerusalemme, noto anche come Il saccheggio di Crasso, è un dipinto a olio su tela (54 x 72 cm) realizzato nel 1743 da Giambattista Pittoni.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto è stato terminato nel 1743 a Venezia, ed è esposto nella collezione permanente delle Gallerie dell'Accademia di Venezia per l'acquisto avvenuto nel 1910 come proprietà dello Stato italiano, Ministero per i beni e le attività culturali. Il dipinto è ricordato nella galleria Corniani degli Algarotti, con il modelletto del 1743 per il dipinto commissionato da Francesco Algarotti per la galleria del Re di Polonia Augusto III, a Dresda.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Storicità[modifica | modifica wikitesto]

L'opera ritrae Marco Licinio Crasso, l'uomo più ricco della storia di Roma, mentre saccheggia il tempio di Gerusalemme.

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ex Convento dei Canonici Lateranensi, Gallerie dell'Accademia, Dorsoduro, Venezia, Sala XVII

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Collezione Gallerie dell'Accademia di Venezia, Crasso saccheggia il tempio di Gerusalemme di Giambattista Pittoni, CAT 741, pgg. 34 (PDF), su gallerieaccademia.it. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2018).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Moschini Marconi S.(1970), pp. 78-80, n. 169
  • Zava Boccazzi F. (1979), p. 172
  • Nepi Scirè G./ Valcanover F.(1985), p. 151
  • Pedrocco F. (1990), pp. 184-185
  • Palluchini R. (1995), p. 539
  • Nepi Scirè G. (1998), p. 167

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]