Cranioteca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Museo Chierici di Paletnologia.

Cranioteca - Museo Gaetano Chierici di Paletnologia

La Cranioteca è una collezione di crani umani conservata all'interno del Museo di Paletnologia a Reggio Emilia. Progettata dal fondatore del museo, Gaetano Chierici, il quale vi espose reperti provenienti da siti da lui indagati nel territorio reggiano e nazionale, aveva una funzione scientifico didattica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Chierici curò l'allestimento sin dagli armadi, che si presentavano nella forma originale con tendine per permettere al pubblico più sensibile di non vederne il contenuto. I crani provengono da Reggio Emilia e dal territorio: San Pellegrino, San Polo, Montecchio Emilia, Sant'Ilario d'Enza, Coenzo, Viano; ci sono inoltre reperti da Pianosa e Remedello[1]. La funzione principale della collezione, nelle intenzioni del fondatore, era quella di fornire elementi osteologici di confronto nella ricerca di caratteristiche antropologiche attribuibili alle popolazioni del passato. Ogni cranio è corredato sia di annotazioni scritte sulla teca cranica, che di osservazioni successive. La collezione si colloca nell'ambito degli interessi di Chierici verso l'antropologia, l'antropologia criminale e la scuola di psichiatria dell'Ospedale psichiatrico San Lazzaro, a Reggio Emilia, nel quale operava l'amico Enrico Morselli[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Storchi, La Cranioteca (PDF), a cura di Georgia Cantoni, Il Museo Chierici.
  • Mauro Cremaschi e Roberto Macellari (a cura di), Gaetano Chierici, metodo e scienze all’origine degli studi di preistoria, Reggio Emilia, 2020.
  Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia