Couroupita guianensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Couroupita guianensis
Cannon-ball tree...നാഗലിംഗ മരം.jpg
Albero delle palle di cannone
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Infraclasse Eudicotiledoni
Superordine Asteridi
Ordine Ericales
Famiglia Lecythidaceae
Genere Couroupita
Specie Couroupita guianensis
Classificazione APG
Ordine Ericales
Famiglia Lecythidaceae
Nomenclatura binomiale
Couroupita guianensis
Aubl., 1755

Couroupita guianensis, comunemente noto come albero delle palle di cannone, è un albero tropicale sempreverde della famiglia delle Lecythidaceae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È nativo delle foreste pluviali dell'America centrale e del Sud America, ma è coltivata in molte altre aree tropicali a causa dei suoi larghi, profumati fiori, e dei suoi grandi, interessanti frutti.

Caratteri botanici[modifica | modifica wikitesto]

Fiori
Frutti

È un albero che può raggiungere altezze di 35 metri. I fiori nascono in racemi lunghi fino a 80 cm. Alcuni alberi producono talmente tanti fiori che il tronco ne è interamente coperto; un albero può produrre anche fino a 1000 fiori al giorno. I fiori sono intensamente profumati, soprattutto di notte e la mattina presto. Sono grandi fino a 6 cm di diametro, hanno sei petali e hanno colori che vanno dalle sfumature del rosa al rosso vicino alla base, al giallastro verso le estremità. Gli stami sono situati in due aree: un anello di stami al centro e un gruppo di starmi che si è modificato in una specie di uncino. Anche se i fiori mancano del nettare, sono molto attrattivi per le api, che giungono per il polline. I fiori producono due tipi di polline: fertile dagli stami dell'anello, sterile dalla struttura ad uncino.

I frutti sono sferici con un guscio legnoso e arrivano a un diametro di massimo 25 centimetri. Essi danno il nome comune all'albero. Quelli più piccoli possono avere fino a 65 semi, ma i più grandi possono arrivare a 550 semi. Un albero può avere fino a 150 frutti, che possono richiedere anche più di un anno per maturare (fino a 18 mesi). Quando i frutti cadono a terra, spesso lo fanno con un rumore forte ed "esplosivo". Si spaccano quasi sempre, permettendo agli animali di nutrirsi della polpa e disperdere così i semi. I frutti che restano interi possono essere rotti solo da animali come i pecari.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'albero fu chiamato Couroupita guianensis dal botanico francese Jean Baptiste Christophore Fusée Aublet nel 1755. Couroupita: è il suo nome nativo, proveniente da Couroupitoutoumou; guianensis: della Guiana francese o della Guyana (nord-est del Sudamerica).

Usi[modifica | modifica wikitesto]

L'albero è a volte coltivato per uso locale come fonte di cibo e per l'uso medicinale. Molte parti dell'albero hanno infatti un uso medicinale.

Il frutto è commestibile ma in genere non è mangiato dalle persone, perché può avere uno sgradevole odore. È usato dall'uomo come foraggio per animali domestici.

L'Albero delle palle di cannone è piantato come pianta ornamentale per i suoi maestosi e profumati fiori, e come specie botanica di notevole interesse per i suoi frutti.

Naturalmente, questi alberi sono piantati ben lontani dai sentieri, in quanto un frutto che cade può facilmente causare un danno mortale.

Sacralità[modifica | modifica wikitesto]

L'albero ha un significato culturale e religioso in India, Sri Lanka e nel Sudest asiatico.

In India, l'albero è sacro per gli Indù, che credono che i suoi fiori uncinati somiglino ai Nāga ed è coltivato presso i templi di Sciva.

Anche per i buddisti l'albero è sacro, in quanto si ricollega al Budda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica