Corona (birra)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corona
Corona Extra Logo.JPG
Categoria Birra
Tipo lager
Marca Grupo Modelo
Nazione Messico Messico
Alcol 4,6% vol.
Colore oro
Temperatura di servizio 5 - 7 °C
Sito www.corona.com
Confezione da 6 bottiglie di Corona
Bottiglia di Corona

In Spagna viene commercializzata con il nome Coronita, utilizzato anche in altri paesi per indicare le bottiglie da 210 ml, a causa della titolarità del marchio Coronas da parte del produttore di vino Bodegas Torres[1].

La Corona è la birra non statunitense più venduta negli Stati Uniti d'America[2][3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Corona nasce nel 1925, seconda birra prodotta dal gruppo Modelo[4]. Nel 1940 inizia la commercializzazione delle bottiglie con il marchio serigrafato. A partire dagli anni '50 la Corona diventa sponsorizzando vari eventi sportivi[5]. Nel 1976 inizia l'esportazione negli Stati Uniti d'America, seguiti poi da altri paesi, tra cui l'Italia a partire dal 1989[4].

Nel 2012, in seguito all'acquisizione del gruppo Modelo da parte della multinazionale Anheuser-Busch InBev, la produzione è stata divisa tra il gruppo Modelo, per il mercato locale e per l'esportazione in tutti i paesi eccetto gli Stati Uniti d'America, e la Constellation Brands, compagnia indipendente dall'AB inBev, per quanto riguarda il mercato americano. La separazione della produzione destinata agli Stati Uniti d'America si è resa necessaria per evitare problemi con l'Antitrust[6].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La Corona presenta una gradazione alcolica di 3,5 % in volume e presenta un colore giallo paglierino, con una schiuma sottile ed evanescente. È una birra dal corpo leggero con lievi note luppolate e fruttate e un leggero retrogusto erbaceo, da consumare a una temperatura di 5-7 gradi[7].

Gli ingredienti usati per produrre la birra sono: acqua, malto d'orzo, luppolo, lievito, malto di riso/granturco, antiossidante (acido ascorbico) e addensante[8].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla versione tradizionale è disponibile sul mercato una versione light con il 30% in meno di calorie rispetto alla Corona Extra[9]. Nel luglio 2016 è stato annunciato l'inizio della distribuzione in Messico di una versione analcolica, denominata Corona Cero[10].

Consumo[modifica | modifica wikitesto]

La Corona viene solitamente servita con agrumi, nello specifico uno spicchio di lime o limone, inseriti nel collo della bottiglia[11], questa abitudine non è però diffusa in Messico dove viene consumata senza aggiunte[12]. Esistono diverse possibili spiegazioni del consumo di Corona con agrumi[13]: l'usanza potrebbe essere nata come strategia di marketing originatasi per differenziare sui mercati esteri la Corona da altre birre. Questo spiegherebbe come mai in Messico non sia diffusa (anche se altre birre messicane, come la Sol, vengono consumate alla stessa maniera[14][15]). Altre possibili spiegazioni sono che l'agrume fosse utilizzato per tenere lontane le mosche, molto diffuse in un paese caldo come il Messico, o per pulire la ruggine che si formava a causa dell'uso di tappi a corona di scarsa qualità. La spiegazione più accreditata è quella che vede l'agrume utilizzato per mascherare il cattivo aroma causato dall'esposizione ai raggi solari della birra, confezionata in bottiglie trasparenti[13].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Nuestra historia torres.es
  2. ^ (EN) Heineken to take over Mexican beer brands in U.S., USA Today, 21 giugno 2004.
  3. ^ (EN) David Luhnow e David Kesmodel, Pressure Is on Mexican Brewers, The Wall Street Journal, 17 luglio 2008, p. B2.
  4. ^ a b La storia corona-extra.it
  5. ^ (ES) Grupo Modelo, Historia Corona, corona.com.mx, 2010. (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2014).
  6. ^ S. Carrer, La birra Corona a InBev: acquisizione da 20 miliardi, Il Sole 24 ore, 30 giugno 2012
  7. ^ Corona Extra imolabevande.it
  8. ^ (FI) Corona Extra Archiviato il 11 maggio 2016 in Internet Archive. sinebrychoff.fi
  9. ^ (EN) Corona Light ratebeer.com
  10. ^ (ES) Grupo Modelo lanza Corona Cero, la primera bebida sabor cerveza con 0.0% alcohol en México roastbrief.com
  11. ^ (EN) Corona Extra : the top selling imported beer in the U.S allthatfood.blogspot.com
  12. ^ (ES) Cerveza Corona o Coronita con limón coctelybebida.com
  13. ^ a b (EN) Why do we put a lime or lemon in Corona? Carlsberg-Cottingham (archiviato)
  14. ^ (EN) The Sol Story solbeer.com
  15. ^ (EN) We Don't Need No Stinking Limes 20 giugno 2001, beeradvocate.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]