Comiche dell'altro mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comiche dell'altro mondo
Titolo originale Slapstick of Another Kind
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1982
Durata 82 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, fantascienza
Regia Steven Paul
Soggetto Kurt Vonnegut Jr.
Sceneggiatura Steven Paul
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Comiche dell'altro mondo (Slapstick of Another Kind) è un film del 1982 per la regia di Steven Paul. È una commedia fantascientifica interpretata da Jerry Lewis e liberamente tratta dal romanzo satirico Comica finale ovvero Non più soli (Slapstick) di Kurt Vonnegut.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Caleb Swain e sua moglie Lutetia sono una ricca coppia considerata la più bella di tutte le belle persone da parte della stampa. Questo cambia quando Lutetia dà alla luce oversize, gemelli deformi chiamati Wilbur ed Eliza. I gemelli sono in realtà una squadra aliena di fratello e sorella impiantata in Lutetia per risolvere i problemi del mondo. Quando sono separati non sono molto più intelligenti di una pianta in vaso, ma insieme sono una forza intellettuale da non sottovalutare. La loro intimità è messa alla prova quando una serie di eventi rischia di mantenere i gemelli separati. Mischiato a tutto questo c'è un ambasciatore cinese in miniatura che ha bisogno dell'aiuto dei gemelli per fare un accordo per la vendita della gravità.

Accoglienza e critica[modifica | modifica sorgente]

Il film, uscito nelle sale statunitensi a marzo del 1984, fu un fiasco sia di pubblico sia di critica e valse a Jerry Lewis una candidatura al Razzie Award al peggior attore protagonista[1] (vinto da Sylvester Stallone per Nick lo scatenato).

Fantafilm scrive:

« Improponibile adattamento cinematografico di un bel racconto satirico del grande Kurt Vonnegut, ridotto a pretesto di fiacche situazioni farsesche ai limiti della demenzialità. Nel film - che coinvolge anche il grande Orson Welles [...] - si immagina, tra le altre inutili "impennate comiche" - che la Cina abbia raggiunto incredibili traguardi nella scienza medica e possegga una tecnologia capace di miniaturizzare le persone [...].

Il cast è di tutto rispetto, ma viene malamente impiegato dalla sceneggiatura insipida e dalla svogliata regia di Steven Paul»

(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Comiche dell'altro mondo in Fantafilm.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]