Claudio Vantini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claudio Vantini
Nazionalità Italia Italia
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Ruolo Allenatore
 

Claudio Vantini, noto tuttavia come Andrea[1] (Bolzano, 11 aprile 1953Bolzano, 18 novembre 2010), è stato un allenatore di atletica leggera e insegnante italiano.

Insegnante di educazione fisica alle scuole medie[2] ed allenatore di diverse società di atletica leggera bolzanine[1], fu allievo di Sandro Calvesi.[3] Ha lanciato la carriera di Antonella Bellutti[4], che lascerà poi l'atletica per un infortunio[5], divenendo un'olimpionica del ciclismo su pista[6], e di Erica Rossi.[6]

Si è suicidato il 18 novembre 2010, gettandosi sotto un treno della ferrovia Bolzano-Merano, alla stazione di Ponte Adige.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Marco Marangoni, Bolzano, morto Claudio Vantini professore e allenatore: una vita per lo sport, Alto Adige, 19-11-2010. URL consultato il 21-11-2010.
  2. ^ a b Lutto nel mondo dello sport bolzanino, morto l'allenatore che scoprì l'olimpionica Antonella Bellutti, Adnkronos, 18-11-2010. URL consultato il 23-11-2010.
  3. ^ [.http://www.calvesi.it/2010/11/andrea-claudio-vantini-e-in-cielo.html?m=1 Andrea Claudio Vantini è in cielo], calvesi.it, 20 novembre 2010. URL consultato il 13 aprile 2017.
  4. ^ Bolzano: morto l'allenatore che scopri' l'olimpionica Antonella Bellutti, Adnkronos, 18-11-2010. URL consultato il 21-11-2010.
  5. ^ Zen e bicicletta. La Bellutti ha cambiato vita, La Repubblica, 07-02-1996. URL consultato il 21-12-2010.
  6. ^ a b Bolzano, morto Vantini: il dolore della Bellutti, «un fratello e un maestro», altoadige.gelocal.it, 19-11-2010. URL consultato il 21-11-2010.