Claude-Gaspard Bachet de Méziriac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claude-Gaspard Bachet de Méziriac

Claude-Gaspard Bachet de Méziriac (Bourg-en-Bresse, 9 ottobre 1581Bourg-en-Bresse, 26 febbraio 1638) è stato un matematico francese.

Frontespizio dell'edizione del 1621 dell'Arithmetica di Diofanto

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Profondo conoscitore di ebraico, greco, latino, italiano e spagnolo, Bachet fu membro dell'Ordine dei Gesuiti per un anno nel 1601. Studiò presso il Collegio gesuita di Reims, dove fu discepolo del matematico Jacques de Billy, del quale divenne intimo amico. Passò poi ad insegnare presso il Collegio dei Gesuiti di Milano prima di rinunciare a prendere i voti e dedicarsi allo studio della matematica e alla traduzione di poeti latini e matematici greci.

Pubblicò il Problèmes plaisants, edito nella prima edizione nel 1612 ed una seconda edizione, ampliata ed approfondita, nel 1624, che contiene anche una raccolta di giochi e rompicapi a sfondo matematico, molti dei quali riportati anche da Walter William Rouse Ball nel Mathematical Recreations and Essays.

Ha scritto anche Les éléments arithmétiques, esistente oggi in forma di manoscritto, ed una traduzione, dal greco al latino dell'Arithmetica di Diofanto di Alessandria. In margine ad una pagina di una copia di questo libro, Fermat scrisse la famosa annotazione circa l'Ultimo teorema di Fermat.

È stato il primo matematico che ha analizzato le soluzioni delle equazioni indeterminate mediante frazioni continue. Ha condotto studi anche sulla teoria dei numeri, e ha trovato la via per costruire un quadrato magico.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN44308893 · ISNI: (EN0000 0001 1025 7828 · LCCN: (ENno99003446 · GND: (DE104368829 · BNF: (FRcb120028244 (data) · CERL: cnp00370784