Ciro Cafforio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ciro Cafforio (Grottaglie, 20 maggio 1887Grottaglie, 12 luglio 1963) è stato un giornalista e archeologo italiano.

Attivo tra la provincia di Taranto e quella di Brindisi. Nel 1961 fu insignito della medaglia d'oro per la Pubblica istruzione.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima metà del XX secolo ha formulato teorie relative alla presenza in età preistorica degli Arii e di discendenti di Liguri nel territorio del sito archeologico di Pezza Petrosa[1] identificando un insediamento prima tarantino e poi romano[2]. Nel 1961 ha ipotizzato una presenza di ebrei in età altomedievale nel territorio del Fullonese[3]. Ha studiato da punto di vista archeologico i siti appartenenti alle città di Grottaglie e Villa Castelli[4]. Le sue ipotesi spesso prive di adeguata dimostrazione e fonti sono oggi considerate superate.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Ostensorio della collegiata di Grottaglie, Taranto 1937
  • Preistoria di Rudiae Tarantina, Taranto 1938
  • Santa Maria Mutuata nell'ex feudo di San Vittore, Taranto 1954
  • Riggio, Casale nel territorio di Grottaglie, Taranto 1961
  • La Lama del Fullonese, un sobborgo medievale, Taranto 1961

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Benemeriti dell’Istruzione Elementare e Materna gold medal BAR.png Medaglia d'oro per Benemeritanza nella Pubblica Istruzione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ C.Cafforio, Preistoria di Rudiae Tarantina
  2. ^ G. A. Maruggi (a cura di), Pezza petrosa. Archeologia a Villa Castelli tra curiosita e ricerca ([Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Soprintendenza Archeologica della Puglia, comune di Villa Castelli, assessorato alla cultura), Artigrafiche Pugliesi, Martina Franca 1992.
  3. ^ C. Cafforio, La lama del Fullonese, Taranto 1961
  4. ^ P. Scialpi, I Mirmidoni e Villa Castelli, Edizioni Pugliesi, Martina Franca 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]