Cimitero paleocristiano di Pécs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
cimitero paleocristiano di Pécs (Sopianae)
(EN) Early Christian Necropolis of Pécs (Sopianae)
Hungary Pecs 2005 June 085.jpg
TipoCulturali
Criterio(iii) (iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2000
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda
Cimitero paleocristiano di Pécs
Hungary Pecs 2005 June 085.jpg
Tipocivile
Confessione religiosacattolicesimo
Stato attualedismesso
Ubicazione
StatoUngheria Ungheria
ComunePécs
Costruzione
Periodo costruzioneIV secolo
Mappa di localizzazione

Coordinate: 46°04′28″N 18°13′40″E / 46.074444°N 18.227778°E46.074444; 18.227778

Il cimitero paleocristiano di Pécs è un sito archeologico risalente al IV secolo, contenente i resti di una chiesa paleocristiana e diverse cappelle funerarie, che si trova nel centro della città ungherese di Pécs, l'antica Sopianae romana.

Il sito si estende sotto tutta l'area della piazza antistante la cattedrale di Santo Stefano (Szent Istvan ter). Gli scavi, iniziati nel 1870, e tuttora in corso, hanno portato alla scoperta di 16 cappelle funerarie. Fra queste risultano particolarmente significative due cappelle, una trichora, sul lato sinistro della piazza, scoperta nel 1922 (non visitabile); ed una septichora sul lato destro della piazza, scoperta nel 1913. In questa ultima in particolare, dal 2002 sono iniziati nuovi scavi, che hanno portato a scoperte di grande importanza.

Dal centro della piazza si accede all'antico mausoleo cristiano, scoperto nel 1975-1976. Dalla piazza è tuttora visibile il tracciato della fondamenta di una chiesa paleocristiana ad abside unica del IV secolo. Le pareti delle cappelle sono affrescate con motivi ornamentali e figurativi che riproducono scene della Bibbia e simboli cristiani simili a quelli ritrovati nelle catacombe romane.

Altro punto di grande interesse è la camera sepolcrale dell'anfora (o brocca), scoperta nel 1938, che prende il nome dall'anfora per il vino dipinta in una nicchia.

Nel 2000 il cimitero paleocristiano di Pécs è diventato un patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]