Cicogna (torrente)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cicogna
Stato Italia Italia
Regioni Veneto Veneto
Lunghezza 14,00 km[1]
Portata media 2,09 m³/s[2]
Bacino idrografico 59.8 km²[2]
Altitudine sorgente 810 m s.l.m.
Nasce Valtibolla, comune di Limana
Sfocia Piave tra Praloran e Rivamaor
46°07′09.99″N 12°11′15.7″E / 46.119441°N 12.187695°E46.119441; 12.187695Coordinate: 46°07′09.99″N 12°11′15.7″E / 46.119441°N 12.187695°E46.119441; 12.187695

Il Cicogna (la Zegogna o la Žicogna o Žigogna in veneto locale) è un corso d'acqua a carattere torrentizio della provincia di Belluno.

Nasce tra i comuni di Belluno e Limana in località Tibolla, alle pendici del Col Visentin (Prealpi Bellunesi), originandosi da numerosi ruscelli e rii. Scende verso la Valbelluna nella cosiddetta Valtibolla, toccando le borgate di Tassei, Piandelmonte, Ceresera, Cet, Castoi, Navasa, Visome e sfocia nel Piave tra Praloran (comune di Limana) e Rivamaor (comune di Belluno).

Tra i numerosi immissari:

  • Lavedin (di sinistra),
  • Val Burlon (di sinistra)
  • Malvan (di destra),
  • Turriga (di destra).

Storia e Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il Cicogna è documentato sin dal 1548 come "la aqua dla Cigogna"; il nome però non ha alcuna attinenza con il volatile, ma ben si sembra derivare dal latino "ciconia" il termine che veniva dato a uno strumento a collo lungo e contorto usato per attingere l'acqua. Da questo corso d'acqua prende il nome anche la nobile famiglia dei Cicogna, di cui è famoso Marco Cicogna di Navasa che partecipò alla battaglia di Lepanto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco corsi d'acqua della rete idrografica regionale (PDF), su Piano straordinario triennale interventi di difesa idrogeologica, Regione Veneto. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  2. ^ a b Piano di bacino del fiume Piave. Piano stralcio per la gestione delle risorse idriche (PDF), Autorità di Bacino Alto Adriatico, p. 363. URL consultato il 13 novembre 2010.
Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di veneto