Christian Kampmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Christian Kampmann (Hellerup, 24 luglio 1939Læsø, 13 settembre 1988) è stato uno scrittore e giornalista danese.

Cenni Biografici[modifica | modifica wikitesto]

Insieme a scrittori come Anders Bodelsen e Henrik Stagerup, è considerato uno dei principali esponenti del neo-realismo danese. I suoi romanzi sono incentrati principalmente sulle vicende delle classi medie o superiori, ambientati a partire dal dopoguerra fino agli anni ottanta. Kampmann presenta personaggi alienati, che hanno problemi a collocarsi nel mondo e nella società, ponendo l'accento su tematiche sociali come l'omosessualità (ad esempio nella trilogia Fornemmelser).

Kampmann era omosessuale, pur essendo stato sposato per molti anni con Teresa Herman Koppel, dalla quale ebbe due figli. Fu ucciso nel 1988 sulla spiagga di Læsø dal suo collega ed amante Jens Michael Schau[1]. La sua tomba si trova a Copenaghen.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Blandt venner (1962), Raccolta di racconti
  • Al den snak om lykke (1963), romanzo
  • Ly (1965), Raccolta di racconti
  • Sammen (1967), romanzo
  • Uden navn (1969), romanzo
  • Nærved og næsten (1969), romanzo
  • Vi elsker mere (1970), Raccolta di racconti
  • Pinde til en skønskrivers ligkiste (1971)
  • En tid alene (1972), romanzo
  • Gregersen-sagaenen (Saga della famiglia Gregersen):
    • Visse hensyn (1973)
    • Faste forhold (1974)
    • Rene linjer (spring 1975)
    • Andre måder (fall 1974)
  • Fornemmelser, trilogia:
    • Fornemmelser (1977)
    • Videre trods alt (1979)
    • I glimt (1980)
  • Skilles og mødes (1992), romanzo postumo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DA) Mordet på kærligheden, BT, 16 dicembre 2004. URL consultato il 15 maggio 2015.
Controllo di autoritàVIAF (EN64799297 · ISNI (EN0000 0000 7259 1832 · LCCN (ENn80030531 · GND (DE118559710 · BNF (FRcb12034667z (data)